2018.. terza prova? No grazie!

2018.. terza prova? No grazie!

Il nostro... l'ultimo anno del quizzone (o almeno così si dice). 2017: definito da alcuni l'ultimo anno del quizzone per la terza prova di maturità.

È in crisi il liceo classico? Non è questa la domanda
Si (ri)comincia: ecco il nuovo giornale del Tasso!
Ricordare per fare giustizia

Il nostro… l’ultimo anno del quizzone (o almeno così si dice).

2017: definito da alcuni l’ultimo anno del quizzone per la terza prova di maturità. Rimarranno il tema di argomento letterario, filosofico, storico e di attualità e una seconda prova che però deve ancora passare sotto lo scanner del ministero per essere definita a pieno.

Al posto quindi di questo test terrificante e come direbbe qualcuno in modo più colorito “basato sulla fortuna”, i maturandi del 2018 dovranno sostenere a metà anno scolastico delle prove invalsi di italiano, matematica e lingua straniera. Il cambiamento più serio però sta nella valutazione per l’ammissione all’esame stesso:

noi, dell’annata 2017, per essere ammessi dovremo avere la sufficienza in ogni singola materia mentre i futuri maturandi dovranno avere la sufficienza dalla media totale dei voti, includendo anche il voto di comportamento. Soltanto la commissione rimarrà invariata, quindi con 3 membri interni e 3 esterni.

Questi cambiamenti comunque entreranno in vigore solo se verranno rispettati i tempi di approvazione, in questo caso due mesi, e se non saranno sciolte le camere per andare alle prossime elezioni. Quindi ai maturandi del 2017, gambe in spalla e forza che il weekend dei 100 giorni si avvicina sempre di più!

Di Margherita Milone

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0