Internet: il 5% dei giovani ne sono dipendenti

Internet: il 5% dei giovani ne sono dipendenti

Neuropsychiatry, rivista scientifica, ha pubblicato uno studio sulla dipendenza da internet. Questa la percentuale per gli adolescenti italiani. Orma

Adolescenti sociopatici hanno un cervello diverso
Abbiamo perso il sonno
Tra easyjoint e legalizzazione: cerchiamo di capire di più

Neuropsychiatry, rivista scientifica, ha pubblicato uno studio sulla dipendenza da internet. Questa la percentuale per gli adolescenti italiani.

Ormai si può accedere a internet ovunque, h24 su qualsiasi mezzo. Molti ritengono che gli smartphone abbiano peggiorato la situazione. Probabilmente, non hanno torto, ma oltre le discussioni ora si è di fronte al problema.
Il 2% della popolazione generale è affetto da dipendenza al web, numero triplicato tra gli adolescenti e il 5% in Italia.

È emerso dalla rivista scientifica Neuropsychiatry uno studio che definisce tale problema, un rapporto forte tra uso di internet e dipendenza dallo stesso, rischio per la salute fisica e mentale di tutti. Tra l’1% dei giovani norvegesi schiavi del problema, all’8% degli americani ( 18-22 anni ), si piazza il nostro paese col 5%.
Roberto Poli, responsabile del servizio psichiatrico diagnosi e cura dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Cremona, ha analizzato 2533   studenti delle scuole secondarie. Il gioco, lo shopping, i social network ma soprattutto i siti porno, tutti a condizionare la vita quotidiana.

Poli ha detto: “Gli adolescenti sono biologicamente e psicologicamente più vulnerabili alle dipendenze. Il virtuale può essere una fuga e pone una serie di problemi”.
“Come influenze negative sul rendimento lavorativo o scolastico, tendenza all’isolamento dal mondo reale e preferenza del mondo virtuale e difficoltà a gestire e limitare il tempo online. Si rischia da un lato che non ci sia un adeguato sviluppo della maturazione psicosessuale e dall’altro anche di funzionamento sessuale come conseguenza dell’uso eccessivo della sessualità online”.

Un pericolo digitale quindi, che rischia di compromettere le future generazioni e senza una soluzione in tempi brevi.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0