RoboCup, 4 studenti italiani ce l’hanno fatta!

RoboCup, 4 studenti italiani ce l’hanno fatta!

Quattro studenti di una scuola di Vicenza sono volati in Giappone, a Nagoya, per partecipare alla competizione mondiale sulla robotica e sono arrivati

Estate per i ragazzi autistici, gli appelli inascoltati di Ugo Mainolfi
Rapporto Giovani dell’Istituto Toniolo: ecco i dati ufficiali
Macron e l’amore adoloscenziale… con la prof!

Quattro studenti di una scuola di Vicenza sono volati in Giappone, a Nagoya, per partecipare alla competizione mondiale sulla robotica e sono arrivati quarti.

La RoboCup è una competizione mondiale del settore robotico e tecnologico dedicata a giovani studenti che presentano i propri progetti innovativi.

Qualche tempo fa degli studenti di Brindisi, frequentati l’Itt Giorgi, non hanno potuto accedere alla fase successiva di questo concorso (ve ne avevamo parlato), in quanto la scuola non aveva abbastanza fondi per finanziare il viaggio di tre ragazzi e due insegnati sino in Giappone.

Il Miur infatti non prevede dei finanziamenti in merito a questo tipo di iniziative e i fondi della scuola non sarebbero bastati per questo progetto.

In contrapposizione a questa storia un po’ triste però possiamo narrare invece quella di quattro studenti dell’Itis De Pretto di Schio, in provincia di Vicenza, che invece sono riusciti a volare in Giappone e a presentare il proprio lavoro.

L’istituto di Vicenza è riuscito a sopperire alla difficoltà economica organizzando delle presentazioni del robot progettato dai propri studenti da mostrare a varie aziende del territorio. Queste ultime si sono accorte del potenziale del progetto ed hanno deciso di finanziare il viaggio degli studenti partecipanti alla RoboCup.

I finanziamenti infatti sono giunti da ben 20 aziende, ma anche dal Comune, dalla Provincia e dalla Regione.

La preside dell’istituto, Giovanna Deon, è molto soddisfatta, anche perché i suoi studenti hanno raggiunto il quarto posto nella competizione mondiale e ritiene che sia stata una mossa vincente quella di mobilitarsi subito per cercare investimenti ed aiuti affinché questo bel progetto potesse giungere a termine.

#FacceCaso

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0