Tempo di lettura: 3 Minuti

Renzi vuole riportare 500 docenti universitari in Italia: pronto “gruzzoletto”

Il premier è stato ospite ieri sera a “Che Tempo Che Fa” promettendo nuove misure per i professori che hanno deciso di lasciare lo Stivale. Per riscal

Sessione di settembre ? Nuoce gravemente alla salute
Facebook lancia strumenti per creatori video
Ryanair, che combini? Cancellati 2000 voli

Il premier è stato ospite ieri sera a “Che Tempo Che Fa” promettendo nuove misure per i professori che hanno deciso di lasciare lo Stivale.

Per riscaldare un Paese congelato, l’apporto del mondo scolastico-universitario è senza dubbio importante come una stufa in salone in una fredda notte di dicembre. Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi sembra aver chiara la situazione, sebbene le falle nel sistema dell’Istruzione siano ancora troppe. Ieri sera, il Premier è intervenuto nel noto programma “Che Tempo Che Fa”, quello che va in onda su Rai3, presentato da Fabio Fazio e piacevolmente allietato dalla splendida ironia di Luciana Littizzetto. Stando alle parole di Renzi, sarebbe pronta una vera e propria riforma specifica per i docenti universitari e per contrastare la scelta che molti di loro fanno di lasciare l’Italia.
Sono ben 500 i professori da rimpatriare e sembra davvero necessario rivedere e integrare la Legge di Stabilità per far sì che questo obiettivo venga raggiunto. “Faremo un concorso nazionale basato sul merito, merito, merito. Oltre all’assegno come professore gli diamo anche una sorta gruzzolo che si può tenere per i propri progetti di ricerca e che può spendere una qualsiasi univeristà che ha deciso di investire”. Queste, le parole del Capo del Governo, sempre più convinto a puntare sul “made in Italy” anche nell’ambito dell’insegnamento. Per i docenti, inoltre si profilerebbe un futuro ancor più roseo, anche perchè il Premier vorrebbe “slegarli dalle dinamiche burocratiche della Pubblica Amministrazione”. Sicuramente, richiamare professori preparati e incentivarli a fare ancora meglio è un qualcosa che ci riguarda molto da vicino e può incidere in maniera determinante sui nostri studi.
Insomma, Renzi ha detto che è pronta una “misura ad hoc per attrarre i cervelli”. Non ci resta che aspettare questo colpo di testa del Governo.

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0