Tempo di lettura: 1 Minuti

Il trucchetto bulgaro per entrare a Medicina senza test

Il trucchetto bulgaro per entrare a Medicina senza test

Cepu ha previsto e promosso una sede distaccata della Medical University of Sofia che sta mettendo su piazza qualcosa di davvero assurdo. Sogni di far

Donazione da record al TG USA 2.0! (sì, magari…)
Impronte milionarie e allarme tumori, se non ci fosse il TG USA 2.0…
Maturità…. e mo’?

Cepu ha previsto e promosso una sede distaccata della Medical University of Sofia che sta mettendo su piazza qualcosa di davvero assurdo.

Sogni di fare il medico? Mamma e papà possono darti 18mila Euro? Sei pronto a trasferirti a Perugia? Benissimo, allora il tuo anno accademico può iniziare!
Sembra il motto di uno spot pubblicitario di una catena di supermercati ma invece è quanto sta accadendo a Città di Castello, a pochi chilometri dal capoluogo umbro. Qui, lo scorso 23 novembre, ha messo le radici la sede distaccata della Medical University of Sofia, l’università bulgara che collabora a stretto contatto con Cepu e che da anni viene scelta da moltissimi studenti italiani aspiranti medici che, però, non hanno superato il terribile test d’ingresso. Le cifre che ho citato sopra non sono numeri a caso: una retta annuale in questo ateneo costa 17.980 Euro e garantisce l’ingresso immediato ai corsi di formazione. Insomma, se paghi inizi la facoltà di Medicina senza alcun esame di ammissione.
La faccenda, però, è forse più seria di quanto sembri. Basti pensare che le iscrizioni si sono chiuse in appena due settimane e in effetti non è stata fatta un’azione di marketing così preponderante o massiccia come ci si potrebbe aspettare per una simile iniziativa.
Aggiungo legna al fuoco: in accordo, ovviamente, con l’ateneo bulgaro, Cepu ha deciso di dare vita ad altri due poli come quello di Città di Castello, uno a Novedrate (Milano) e uno a Roma, in zona Eur.
Aggiungo alcool etilico al fuoco: la teoria, in questa università, non è il perno dell’insegnamento, anzi, dopo soli tre mesi si passa subito alla pratica su veri e propri cadaveri.
Ultima aggiunta a sto benedetto fuoco: terminato questo primo anno, i ragazzi possono ovviamente riprovare ad iscriversi ad un’università italiana per iniziare il secondo anno e proseguire gli studi grazie al riconoscimento degli esami.
Tutto troppo facile? Sì, forse troppo per un percorso come quello della facoltà di Medicina.

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0