Tempo di lettura: 1 Minuti

PNICube 2015: ecco i vincitori!

Giovani animati dalla voglia di emergere con le loro idee e un'associazione in grado di valorizzarli: ecco chi ha trionfato alla 13ma edizione di ques

Tante opportunità di formazione con IllyCaffè! Apre una nuova Università del Caffè
Stranieri all’Università: Lombardia è la scelta
La startup smuove il lavoro giovanile

Giovani animati dalla voglia di emergere con le loro idee e un’associazione in grado di valorizzarli: ecco chi ha trionfato alla 13ma edizione di questo importante riconoscimento.

Università della Calabria, 4 dicembre 2015. Da questo Ateneo sono usciti i vincitori della tredicesima edizione del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI). Noi di #FacceCaso ne avevamo già parlato. Il motivo era molto semplice. La PNICube, Associazione Italiana degli Incubatori Universitari, promuove le startup e le idee che vengono partorite da gruppi di ragazzi delle Università di tutta Italia affiancanti da docenti o esperti qualificati. Un’occasione, per noi ragazzi, per dimostrare che, spesso, le migliori idee nascono dalle nostre menti.
Di 3.253 aspiranti imprenditori, tra 1.278 idee e 608 business plan, la giuria ha dovuto selezionare i migliori, basandosi su criteri come l’originalità dell’idea imprenditoriale, realizzabilità tecnica, interesse per gli investitori, adeguatezza delle competenze del team e attrattività per il mercato. Cioè, un prospetto complessivo che va a toccare sia i punti forti del prodotto presentato che quelli di chi lo ha pensato e lo ha presentato.
Arrivando all’osso, a portarsi a casa i 25mila Euro sono stati (rullo di tamburi…):

CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM!

-Il premio ‘LIFE SCIENCES’ (dedicato al miglioramento della salute delle persone) e il premio come VINCITORE ASSOLUTO dell’edizione 2015 è andato a “NEW GLUTEN WORLD” (StartCup Puglia), che si occupa di prodotti alimentari per celiaci consentendo alle aziende di realizzare alimenti sfarinati detossificati.

-Il premio ‘IREN CLEANTECH & ENERGY’ (dedicato al miglioramento della sostenibilità ambientale) è andato a “SMARTVASE” (StartCup Campania), che punta tutto sulla produzione di nuovi basi biodegradabili che consentono un drastico abbattimento dei costi di smaltimento a vantaggio di un miglior impatto ambientale della produzione di piante da vaso.

-Il premio ‘INDUSTRIAL’ (dedicato alla produzione industriale innovativa dal punto di vista tech o di mercato) se lo è aggiudicato “GOLIATH” (StartCup Lombardia), una macchina utensile mobile a controllo numerico per lavorazioni di taglio, fresatura o incisione su pezzi piani.

-Il premio ‘ICT’ (dedicato alle tecnologie dell’informazione e dei nuovi media) è andato a “INTENDIME” (StartCup Lazio), un sistema estremamente versatile, finalizzato al miglioramento della vita delle persone con problemi di udito, in grado di rilevare qualsiasi tipo di suono all’interno delle abitazioni.

Oltre a questi vincitori, quelli che hanno ottenuto la fetta più grande della torta, il PNICube 2015 ha visto la premiazione di altre splendide idee:

-Una menzione speciale INNOVAZIONE SPECIALE a MEMiO.

-Una menzione speciale PARI OPPORTUNITA’ a “DIAMANTE” (StartCup Veneto), “ONE4TWO” (StartCup Campania) e “Nuovo Mammografo a Microonde – UBT” (StartCup Umbria). Questi tre progetti si incentrano tutti su idee per lo sviluppo di prodotti che incentivino strumentazioni per analisi e cure nel mondo femminile: hanno vinto premi, rispettivamente, per il valore di 12mila, 3mila e 3mila Euro.

-Il premio speciale ‘UNICREDIT START LAB & UK TRADE INVESTMENT è andato a “DIAMANTE” (StartCup Veneto) e “GraNHub – Grafene e nanobiotecnologie” (StartCup Lazio).

-Il premio speciale ‘FRANCI@INNOVAZIONE ATTRIBUITO DALL’AMBASCIATA DI FRANCIA IN ITALIA’ è infine andato a LARIVOC (StartCup Piemonte e Val d’Aosta), PIEZOSKIN (StartCup Puglia)*, PEGVA (StartCup Campania),ERS ENGINEERING (StartCup Piemonte e Val d’Aosta), IXEM (StartCup Piemonte e Val d’Aosta), SWINDERGY (StartCup Friuli Venezia Giulia). Tutti questi vincitori avranno la possibilità di soggiornare 5 giorni presso un incubatore francese per conoscere l’ecosistema dell’innovazione locale ed esplorare possibilità d’internazionalizzazione.

Tantissimi progetti, tantissimi premi e tanti soldi per poter portare queste idee in tutto il mondo. Sì, noi giovani siamo la VERA forza di questo Paese, #FacceCaso.

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0