Tempo di lettura: 1 Minuti

Niente più flauto a scuola, lo vieta il Corano!

Scoppia il caso in un istituto di Guastalla, in provincia di Reggio Emilia. Mentre sfogli il tuo dizionario di Latino o ti spacchi la testa su un libr

Condannata Shima: una cantante islamica e la libertà delle donne musulmane
L’università più antica del mondo? In Marocco. E l’ha fondata una donna
La Francia valuta se introdurre l’insegnamento dell’arabo nella scuola pubblica

Scoppia il caso in un istituto di Guastalla, in provincia di Reggio Emilia.

Mentre sfogli il tuo dizionario di Latino o ti spacchi la testa su un libro di Diritto Privato, una lacrimuccia ti scende pensando a quelle bellissime lezioni di musica. Ma si dai, ore passate a buttarla in caciara con quei flauti: sinfonie di perfetto caos e innocente ‘arte’. Questi, però, sono tempi diversi. Tempi in cui tutto cambia e tu neanche ti sei fatto la barba per l’occasione.
Dopo la polemica su crocifisso e presepe nelle scuole, sta albeggiando una nuova richiesta di divieto: il flauto. Il caso è scoppiato a Guastalla, cittadina in provincia di Reggio Emilia, dove tre famiglie musulmane hanno chiesto l’eliminazione dello strumento dalle scuole di Gualtieri perchè “bandito dal Corano, così come tutti gli altri strumenti a fiato e a corde”. Una presa di posizione importante, già avanzata lo scorso anno ma rientrata grazie anche all’intervento del corpo docente. Stavolta, però, si fa sul serio e l’eco della notizia di sta espandendo. Eppure sembrerebbe che il Corano stesso non vieti esplicitamente questi strumenti musicali, ma siano le ‘fatwe’, ossia le interpretazioni o sentenze del Libro Sacro, a storcere il naso.
Il sindaco di Guastalla, Camillo Verona, sembra inflessibile: “Non ci sono deroghe. Il fatto è che siamo in Italia e che abbiamo una Costituzione. Sul professare la propria fede la nostra Carta costituzionale dà ampia libertà. Sull’educazione scolastica invece abbiamo precise norme e programmi ministeriali. È la nostra legge che impone la frequenza delle lezioni in ambito scolastico”.
E’ vero, siamo in un periodo storico molto delicato. Difficile. L’integrazione può aiutare a rilassare i nervi. Ma l’integrazione si fa in due: io un passo verso di te, tu uno vero di me, #FacceCaso.

Di _Riccardo Zianna_

Foto: it.yoyowall.com

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0