Tempo di lettura: 3 Minuti

La “Buona Scuola” torna a far parlare di sé. Futuri docenti sul piede di guerra

L’abilitazione per insegnare non serve più. Tre anni di tirocinio a 300 euro al mese e mansioni affini o aderenti a quelle dei normali docenti. Che si

Livorno contro la Buona Scuola
Iscrizioni aperte alla scuola Apple di Napoli
Il Liceo Mazzini trasforma l’ intervallo in uno show

L’abilitazione per insegnare non serve più. Tre anni di tirocinio a 300 euro al mese e mansioni affini o aderenti a quelle dei normali docenti. Che si tratti dell’ennesima ingiustizia?

Cari studenti, per una volta provate a mettervi dall’altra parte. Immaginate di aver studiato 5 anni per prendere una laurea magistrale, di aver messo da parte 3000 euro per prendere un’abilitazione e di avere un sogno, quello di fare l’insegnante. C’è la crisi ma il tempo passa, non si ferma.. e quel desiderio di avere una famiglia anche se si è precari è incontenibile. Avete una casa, magari in affitto, con le bollette da pagare, un figlio da crescere e dei studenti da educare. Ogni giorno andate a scuola con l’idea che ricoprirete un ruolo importante nella vita di ciascuno dei ragazzi che vi troverete davanti ma con la consapevolezza che per i prossimi tre anni pur ricoprendo mansioni affini o aderenti a quelle dei normali docenti, guadagnerete 300-400 euro al mese.

Per fare l’insegnante ci vuole passione, coraggio e pazienza, tanta pazienza. Ma la pazienza ha un limite che questa volta forse lo Stato ha largamente superato. Gli insegnanti sono sul piede di guerra e tutti i torti non ce l’hanno. La legge n.107 del 2015, meglio nota come “Buona Scuola” torna a far parlare di sé

Avete presente il famoso concorso a cattedra (riservato ai soli docenti abilitati) che conferiva la possibilità di diventare a tutti gli effetti un insegnate? Con l’introduzione della nuova legge, non solo sarà aperto a tutti i laureati magistrali (abilitati e non) ma aprirà le porte a tre anni di tirocinio negli istituti con una retribuzione di 300 euro al mese.

Il MIUR davanti alle proteste dei docenti abilitati afferma che “l’abilitazione è un titolo utile per l’insegnamento ma non è una garanzia che si insegna al 100%. Noi non stiamo costruendo il nostro lavoro pensando ai bocciati – gli abilitati che non passeranno il concorso del 2016 – ma pensando ai 63mila che saliranno in cattedra. Il concorso precedente aveva 300mila partecipanti e 12mila cattedre, ci sembra si stia facendo già tanto”.
La deputata a cinque stelle Silvia Chimienti commenta: “il concorso del 2016 sarà bandito su 63mila posti, a fronte di una platea di circa 200mila partecipanti. Ciò significa che almeno 120mila docenti abilitati dovranno ripartire da zero con i nuovi concorsi insieme ai neo laureati e affrontare un ulteriore triennio di tirocinio a scuola con una retribuzione di 300 euro mensili. Pura follia. Un ennesimo concorso farsa che va a attestare per la centesima volta le competenze di persone che insegnano anni a scuola e che hanno speso 3000 euro per abilitarsi, seguendo percorsi impegnativi fatti gli esami e tirocinio”.
Insomma, un apprendistato con contratto sottopagato rispetto alla mansione, supplenti gratis per i presidi e tanta tanta rabbia. Come potrà un docente in queste condizioni svolgere bene il suo lavoro? Ragazzi siate clementi, la speranza è l’ultima a morire e il bando, che doveva essere pubblicato entro il primo dicembre del 2015 tarda ad arrivare.. speriamo che le novità introdotte dalla nuova legge, presentate come un passo verso il merito e la semplificazione, non si traducano per l’ennesima volta nella solita ingiustizia. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0