Tempo di lettura: 1 Minuti

Guai in vista per UniTo: la Compagnia di San Paolo dice no alla “paghetta”

Bloccato il finanziamento di 21 milioni di euro per il triennio 2016-2018. Un nuovo incontro per rivedere i piani contrattuali è previsto entro fine a

Grillo attacca Renzi e la sua gestione della Scuola: “La situazione è drammatica e lui lo sa”
Diploma in 4 anni: dall’anno scolastico 2018/2019 al via la sperimentazione

La denuncia di Anief: in Italia investimenti inadeguati e sempre meno laureati

Bloccato il finanziamento di 21 milioni di euro per il triennio 2016-2018. Un nuovo incontro per rivedere i piani contrattuali è previsto entro fine anno.

Guai in vista per l’Università di Torino. E’ di ieri la notizia che mette in discussione il rapporto di collaborazione tra l’Ateneo e la Fondazione Compagnia di San Paolo

Il finanziamento di 21 milioni di euro relativo all’accordo per il triennio 2016-2018 sembrerebbe essere stato rimandato, almeno per il momento. La Compagnia, che rappresenta la terza fonte di finanziamento dell’Ateneo (dopo quella statale in forte calo e un privato) non ha approvato il documento per il rinnovo della convenzione triennale. “Senza modifiche non firmiamo la convenzione” sostiene infatti la Compagnia, che però si dichiara disponibile ad un nuovo incontro.

Tra i punti del contratto messi in discussione, primo fra tutti l’intenzione da parte del Rettore di destinare i fondi della Compagnia per l’assunzione a tempo determinato di personale amministrativo. “Vista la già significativa dimensione amministrativa dell’Ateneo”, l’ente presieduto Luca Remmert non ritiene opportuno impiegare i fondi in questo modo, piuttosto si direbbe propenso a migliorare la formazione del personale dell’Ateneo già presente.

Da rivedere anche il finanziamento per la Scuola di Studi Superiori Ferdinando Rossi che prevedeva corsi e crediti aggiuntivi riservati a studenti eccellenti, sul modello della Normale di Pisa. La Compagnia preferirebbe impiegare le risorse verso i progetti destinati ai giovani ricercatori e il sostegno degli “ex post” che premia i progetti promossi a livello europeo. Trattandosi di un accordo bilaterale, gli obiettivi dovranno essere condivisi da ambo le parti. Un nuovo incontro tra la Compagnia e UniTo è previsto entro fine anno.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0