Tempo di lettura: 3 Minuti

Magazine esclusivi nell’”edicola” di Outside Gallery

Magazine esclusivi nell’”edicola” di Outside Gallery

Oltre all'arte e all'abbigliamento, anche l'editoria è tra le colonne portanti del concept store romano. L'evento dello scorso sabato 19 dicembre è st

La Scuola del Fumetto di Asti compie 18 anni
Non-Fungible Token (NFT): la blockchain scuote il mercato dell’arte
L’Università La Sapienza di Roma offre assistenza sanitaria ai propri studenti

Oltre all’arte e all’abbigliamento, anche l’editoria è tra le colonne portanti del concept store romano.

L’evento dello scorso sabato 19 dicembre è stato un vero e proprio show artistico nato dalla creatività di Paolo Calvino. Il video in alto ti può aiutare ad orientarti, #FacceCaso. Tutto questo perchè Outside Gallery, non è un semplice negozio di moda, ma piuttosto un punto di ritrovo per differenti correnti artistiche.
Tra le varie proposte, c’è ne è anche una a sfondo editoriale. Già, perchè nel loro concept store, Ludovica ed Annalaura hanno pensato e dedicato uno spazio anche all’editoria, con i magazine ‘Hide Magazine’ e ‘Artwort’.

-Hide Magazine-

E’ un magazine semestrale, si concentra sulla situazione urban street di tre città. Per questo numero 0: ROMA PARIGI MILANO. I produttori della rivista parlano così della loro creatura: “Hide Magazine mette a nudo la connessione armonica che vive tra moda e musica, ponendo al centro il sincretismo fra hip hop e street style, il focus è automatico, i luoghi sono quelli di culto dove si genera lo urban style dai canali di Amsterdam ai grattacieli di Tokyo. Hide Magazine crede nelle strade che dettano stile, vive nella convinzione che la fusione tra vita e moda sia la madre delle tendenze”. Hide magazine, inoltre, vuole svelare e decodificare ciò che spesso nel panorama di queste nuove subculture è nascosto. Una guida per il mondo attraverso l’occhio dell’arte della danza della musica e della moda.

-Artwort-

Artwort è un media online di arte, architettura, design, fotografia, moda, illustrazione e tecnologia che cerca di raccontare il presente e soprattutto il futuro di un panorama sconfinato come quello dell’arte utilizzando come mezzo la parola (in tedesco “wort“), con un occhio critico e vivace, serio ma non serioso, su nuovi artisti e progetti. Un po’ come il colore bianco raccoglie tutti colori, il sito prova a raccogliere le varie declinazioni di questo macromondo, offrendosi come prisma per il lettore in modo che scelga spontaneamente quale colore vedere tra quelli contenuti negli aggiornamenti quotidiani proposti.

Spesso, è solo dall’incontro di più punti di vista che nascono cose veramente belle, #FacceCaso!

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0