Tempo di lettura: 2 Minuti

L’università del Tempo Libero riapre le porte

Promulgato il programma di incontri 2016 nell’università di Prato. Si partirà con “Europa: storia e cultura in Austria”, il primo corso annuale dell’U

Prato, violenze sessuali su minori
Prato protesta: istituti “sbarrati” contro la Buona Scuola
Scippatore da applausi: si fa arrestare con la geolocalizzazione

Promulgato il programma di incontri 2016 nell’università di Prato.

Si partirà con “Europa: storia e cultura in Austria”, il primo corso annuale dell’Università del Tempo Libero Eliana Monarca, presentato dal 12 gennaio al 14 aprile in 14 incontri. L’ultimo programma sarà invece “affidato” agli Etruschi e si terrà tra novembre e dicembre. Queste lezioni, accessibili a persone di tutte le età, saranno realizzate con il contributo dell’assessorato alla Cultura del Comune di Prato e della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato e sono state pochi giorni fa illustrate da Simone mangani, assessore alla Cultura del comune, e dal presidente dell’associazione “Eliana Monarca” Piero Taiti.

I corsi avranno luogo nell’aula magna del Polo Universitario Città di Prato, piazza Ciardi 25, il martedi e il giovedi dalle 16 alle 18.Particolarmente interessanti saranno, a mio modo di vedere, il programma di Letteratura Russa – 4 incontri dal 14 aprile al 5 maggio – e Donne d’autore – 5 incontri dal 4 ottobre al 8 novembre. L’iscrizione ai corsi è molto semplice: basta presentarsi 30 minuti prima nell’Aula Magna e firmare un foglio d’iscrizione; per chi invece avesse le idee già precise è possibile rivolgersi all’Università del Tempo Libero “Eliana Monarca”, in piazza Mercatale 89 nella sede Spi-Cgil Prato (telefono 0574-459263, cellulare 3664160801, mail universitatempolibero@associazioni.prato.it, Sito www.associazioni. Prato.it/universitàtempolibero). Ricordiamo, inoltre, le parole del presidente Piero Taiti: “L’associazione vive soprattutto del contributo dei soci. Le iniziative donate hanno portato ad un programma ricco, corposo e ambizioso. Noi non facciamo solo formazione ma anche prevenzione culturale ed anagrafica, che aiuta in ogni modo e in ogni senso la partecipazione”.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0