Tempo di lettura: 3 Minuti

A scuola il 2.0 è già vecchio, siamo al 3.0

A scuola il 2.0 è già vecchio, siamo al 3.0

A Milano è stata inaugurata la prima aula digitale. A Milano, si sa, la gente va di fretta, ma talmente tanto che a volte si inciampa nel futuro: è st

Un passo più vicino alla scuola del futuro
Le industrie digitali e il saccheggio delle università inglesi
L’iPhone rosso è la nuova furbata Apple

A Milano è stata inaugurata la prima aula digitale.

A Milano, si sa, la gente va di fretta, ma talmente tanto che a volte si inciampa nel futuro: è stata infatti presentata alla Giusti-D’Assisi la prima aula in 3.0. Non più quaderni ma tablet, via i gessetti per la lavagna multimediale, copertura totale di Wi-fi e un proiettore HD che sostituirà le vecchie aule video. Ma la vera novità è “nell’aria”: avrà infatti una nuvola ( i-Cloud) tutta sua, che potrà essere utilizzata come archivio di infiniti dati, permetterà scambi internazionali su metodi di studio e d’insegnamento (come la Flipped Classroom ad esempio) ed, inoltre, permetterà più libertà ai ragazzi, i quali avranno uno spazio virtuale in cui muoversi, protetto da firewall e antivirus, per potersi migliorare, auto valutare e recuperare dati e nozioni sulle lezioni anche da casa.

Novità anche per quanto riguarda le postazioni: i ragazzi di questa speciale sezione di scuola primaria siederanno su sedie girevoli in modo da poter seguire la lezione e disporsi per lavorare in gruppo in modo agevole e senza fatica. Insomma, a via Giusti il futuro è davvero arrivato in anticipo.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0