Tempo di lettura: 2 Minuti

Con “Zootropolis” la Disney fa di nuovo centro!

Il nuovo film d’animazione conquista grandi e piccoli, grazie a sottili paragoni tra la bizzarra metropoli di Zootropolis e la nostra società politica

Il Signore degli Anelli presto serie Tv?
Streaming > Tv, la Cina lo dimostra
La Cina e le sue particolarità: le 10 cose più strane che ho visto qui

Il nuovo film d’animazione conquista grandi e piccoli, grazie a sottili paragoni tra la bizzarra metropoli di Zootropolis e la nostra società politica e civile.

Sembra forse troppo azzardato paragonare “Zootropolis” alla società in cui viviamo? Non così tanto come può sembrare! Se infatti il nuovo film della Disney è animato da bizzarri e simpatici animali che non riescono a convivere tra loro, allo stesso modo la nostra società è formata da essere umani che, in alcune circostanze, faticano a collaborare tra loro e a stabilire un certo senso di equilibrio e moralità. Ma prima di giungere a conclusioni affrettate è necessario analizzare meglio il nuovo campione d’incassi Disney.

“Zootropolis” è la città in cui vivono molti animali, tra cui la tenera protagonista del film, Judy Hopps che, come tutti noi, fin da piccola ha un sogno nel cassetto, ossia quello di diventare una poliziotta. E nonostante siano tanti gli ostacoli da superare, essendo lei la prima della sua specie a svolgere questo mestiere a causa delle sue piccole dimensioni, Judy riesce comunque a coronare il suo sogno. Ma le difficoltà sono tutt’altro che superate. La vita per una coniglietta infatti non è per niente facile in un dipartimento di polizia dove i suoi colleghi sono giaguari, tori, leopardi e mufloni. Ma il suo vero spirito investigativo entra in gioco con la scomparsa misteriosa di diversi animali. Com’è possibile che un numero così elevato di esemplari sia scomparso nel nulla? Grazie all’aiuto di una volpe di nome Nick, che con la sua astuzia riuscirà a compensare l’ingenuità della piccola coniglietta, Judy scoprirà una rete criminale atta a mettere in disordine la vita politica e civile di Zootropolis, risolvendo il suo primo giallo poliziesco.

Dopo il premio Oscar come miglior film d’animazione a Big Hero 6, è ora nelle sale il 55° classico della Disney. In questo nuovo capolavoro vengono così affrontati nuovi temi, tra cui la tolleranza e l’equilibrio multietnico raggiunto nel finale del film, che nella prima parte era rappresentato dalla discriminazione verso tutti i predatori perché considerati pericolosi e diversi, e quindi emarginati dalla metropoli. Un altro risvolto tematico si ha con il compagno di Judy, Nick che dopo averla aiutata a risolvere il caso poliziesco entrerà a far parte della polizia, superando i pregiudizi che gli altri animali avevano verso le volpi considerate, fino ad allora, ingannatrici e malfidate. Tutte queste tematiche in Zootropolis, come in ogni Disney, sono inserite sotto forma di messaggi metaforici e vengono inevitabilmente vissute dallo spettatore e poi traslate da quest’ultimo nella realtà.

D’altronde il cuore del film, oltre a regalare qualche ora di magia del mondo Disney è proprio quello di far riflettere su temi che devono ormai essere conosciuti anche un po’ dai più piccoli.

Di Valeria Santarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0