Tempo di lettura: 3 Minuti

Le università di Udine e Trieste vanno, insieme, a Gorizia

La ristrutturazione di un immobile la scintilla per la proposta. Le università di Udine e Trieste si sposano tra qualche mese, in via Aviano, si suppo

Il Referendum Costituzionale spiegato al mio compagno di banco
Lezioni di Costituzione: la premiazione del progetto
La Camera ordina un’indagine antisismica per le scuole a rischio terremoto

La ristrutturazione di un immobile la scintilla per la proposta.

Le università di Udine e Trieste si sposano tra qualche mese, in via Aviano, si suppone di mattina. Prego chiamare per conferma presenza. A parte gli scherzi, le due università nel futuro uniranno le forze per davvero. A via Aviano, appartenente all’università di Trieste, ci sono infatti un terzo e quarto piano da ristrutturare, e ciò ha acceso la lampadina nella testa di qualcuno: perché non spostarci, una volta rimessi i piani a norma, il corso Dams dell’Università di Udine? La riunione per capire cosa fare, si è svolta in terra “neutra”, nel Consorzio per lo sviluppo nel polo Universitario di Gorizia. “Il costo dell’opera è stato orientativamente quantificato in circa un milione di euro”, dice Emilio Sgarlata presidente del Consorzio, “il cui onere la Camera di commercio sottoporrà all’approvazione della Giunta camerale integrata, per il relativo finanziamento per il tramite del “Fondo Gorizia”.

I locali comprendono 3mila metri quadri ed i tempi di esecuzione del progetto vengono stimati in 18-24 mesi.

Gorizia può realisticamente guardare al suo futuro con assoluta fiducia, certa di aver fatto ampiamente la sua parte, avendo messo a disposizione delle università di Trieste e Udine importanti comprensori, moderni ed estremamente attrezzati, completati da una Casa dello studente, palazzo De Bassa, prestigiosa e funzionale”. Parola di Emilio Sgarlata.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0