Tempo di lettura: 3 Minuti

Insegnate pedofilo: ancora un arresto a Roma

Insegnate pedofilo: ancora un arresto a Roma

Un uomo di 54 anni è stato arrestato con l'accusa di aver abusato di un bambino autistico di dieci anni. Di Lorenzo Santucci Quando si sente parlare d

“Ab-bracciata collettiva”: 1 e 2 aprile entra in acqua con noi!
Ragazzo autistico di Lanciano prima rifiutato, poi accolto a scuola
“Sono autistico e ho una laurea, e allora?” : storia di una sfida tra divieti e diritti sociali

Un uomo di 54 anni è stato arrestato con l’accusa di aver abusato di un bambino autistico di dieci anni.

Di Lorenzo Santucci

Quando si sente parlare di abusi sessuali è sempre straziante. Quando a rimetterci è un bambino di appena dieci anni ed il suo insegnate di sostegno è il colpevole, rabbia e sdegno sovrastano altri sentimenti. E’ quello che è successo nella scuola elementare “Bambini del mondo” a Cinecittà Est, nella periferia romana. Un bambino autistico era stato affidato ad un insegnate di sostegno, il quale aveva il compito di accompagnarlo nell’aula a fare lezione, al bagno ed a mensa per mangiare. Nonostante la sua età fosse adeguata per svolgere tali compiti da solo, tale P.G. (sono state rese note solo le iniziali del pedofilo) doveva comunque aiutare il bambino in quanto di anni ne dimostrava appena tre. L’uomo di cinquantaquattro anni era apparentemente normale, incensurato, della quale nessuno dubitava. Ma ultimamente si era insospettita un’insegnate che aveva notato come i due passassero molto, troppo tempo in bagno. E da qui è partita la denuncia.

Telecamere nascoste hanno permesso agli agenti della squadra mobile e del Commissariato Romanina di incastrare l’uomo, il quale al momento dell’arresto, nella sua abitazione, non ha spiccicato minimamente parola a conferma, forse, della sua colpevolezza. All’interno del suo computer, inoltre, è stato ritrovato del materiale pedopornografico. Oltre a sconvolgere l’intera esistenza di un bambino e della sua famiglia, i quali di tutto avevano bisogno tranne che di questo, ora anche le famiglie degli altri ragazzi hanno paura a mandare a scuola i loro figli, seppur l’uomo ormai non può più fa del male. Paura legittima. D’altronde, un luogo sicuro come dovrebbe essere la scuola non può essere palcoscenico per determinate tragedie. Portato al carcere di Regina Coeli, ora si indaga se ci sono altri bambini che hanno subito violenze.

Di Lorenzo Santucci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0