Tempo di lettura: 3 Minuti

Pubblicazioni accademiche: il 92% dei lavori consegnati nonostante le proteste

Sono stati pubblicati i dati dell’analisi svolta dalla Vqr, e a discapito della protesta portata avanti da ricercatori e docenti, i numeri di consegne

Influencer: a Torino il corso per diventarlo!
Che senso ha diffondere in rete Fake News con l’intento di disinformare?
Pianeti “vuoti” e “telepatia tecnologica”, ordinaria amministrazione al TG USA

Sono stati pubblicati i dati dell’analisi svolta dalla Vqr, e a discapito della protesta portata avanti da ricercatori e docenti, i numeri di consegne e stato positivo. Nei dettagli ecco cosa è venuto fuori.

Di Umberto Scifoni

Leggermente meno degli ultimi anni, ma comunque un ottimo risultato visto tutto quello che è successo.
In questo modo possiamo sintetizzare i dati riportati dalla Valutazione della qualità della ricerca, analisi portata avanti dall’Anvur, l’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario, secondo cui sui 100 mila lavori attesi da parte dei ricercatori e docenti universitari di tutta Italia, ne sono stati consegnati proprio il 92%.

A cosa è dovuta la perdita del restante 8? La domanda ottiene risposta facendo riferimento alla protesta portata avanti dai lavoratori universitari, contro questa valutazione e i suoi meriti, oltre che il blocco degli scatti d’anzianità e i pochi finanziamenti alla ricerca; altro elemento influenzante (per almeno un 4%) sono le inattività per abbandono o migrazioni, il totale di queste situazioni porta quindi al disavanzo dell’incompiuto.
Rispetto agli altri anni c’è stato comunque un lieve calo: ad esempio la prima ricerca, 2013, ebbe un 95,3% ma i dati sono trasversali, non sono rilevanti le differenze tra Nord e Sud, tranne pochi casi come l’Università del Salento con il 70% ( ma attenzione perché la Statale di Pisa ha riportato un 77,1%!) o la Partenope di Napoli. La Sapienza tiene botta con l’86,4, nonostante la grandezza dell’Università, mentre il miglior risultato è andato alla Sant’Anna di Pisa con l’en plein, 100%.

In conclusione a questi risultati riportiamo le parole di Stefano Fantoni, presidente dell’Anvur: “Sono molto felice oggi,anche se non ero preoccupato ieri… il sistema universitario è sano e ha dimostrato di accettare la valutazione,concetto universalmente riconosciuto”. Questa valutazione è fondamentale, poiché sarà il riferimento per il ministero sulla divisione dei fondi per la ricerca da girare agli Atenei (1,3 miliardi di euro).
Nonostante i tagli, l’arretratezza di molti mezzi e le crescenti difficoltà nel mondo dell’istruzione italiano, i risultati hanno dimostrato quale mole di impegno venga rivolto dai nostri ricercatori, nella speranza che in futuro esso possa finalmente essere sostenuto adeguatamente dal nostro Stato.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 1