Tempo di lettura: 2 Minuti

Bullismo reverse: cacciato un docente

Succede a Verona dove un insegnante è perseguitato da otto anni. Il bullismo è una piaga. Parliamoci chiaro. Chi si sente bullo o lo è nel vero senso

Atto di bullismo in una scuola di Ragusa
Pistoia: alcolici, bullismo e derisioni tra gli studenti di un liceo
Bulliziotti contro i bulli

Succede a Verona dove un insegnante è perseguitato da otto anni.

Il bullismo è una piaga. Parliamoci chiaro. Chi si sente bullo o lo è nel vero senso della parola dovrebbe essere aiutato. Proprio qualche giorno fa avevo visto a Le Iene un servizio di Matteo Viviani che racconta di come questi soggetti possono essere aiutati. E come loro, anche le loro vittime. Oggi mi trovo a parlare di una storia assurda. Già, perchè il diretto interessato non è un ragazzo o una ragazza, ma un docente.

Siamo a Verona e il protagonista della storia è, come dicevo, un docente che qui insegna da quando ha 23 anni. “Ho sempre avuto un ottimo rapporto con i ragazzi, tanto che in quella scuola mi avevano chiesto di seguire i progetti di educazione alla salute: casi di dipendenze, abusi, disturbi alimentari”, dice il professore ormai 54enne. Poi arriva il 2008 e tutto cambia. I ragazzi iniziano ad additarlo come “corvo” o “porta sfiga” e, racconta il docente, “in classa è un susseguirsi di risatine, insulti, mani che toccano ferro” e lui non può che sentirsi “travolto da una gigantesca onda di disprezzo”. Ma i ragazzi toccano il fondo quando iniziano a mettere su Facebook delle sue foto con sotto didascalie come “starà scegliendo la prossima vittima?”. No comment. Il nostro prof è costretto a cambiare tre scuole, senza però, riuscire a risollevare la sua situazione. Va addirittura da uno psichiatra e pensa di voler cambiare cognome.

Il problema reale sta in queste sue parole: “Ho fatto varie segnalazioni alla dirigenza, ma sono cadute nel vuoto. Neppure tra i colleghi ho trovato solidarietà. Anzi, in alcuni casi gli stessi docenti fomentavano gli atteggiamenti di scherno per attirarsi le simpatie dei ragazzi“. Mi sento di replicare il no comment di prima. Ora pare si sia tutto fermato, ma questa vicenda ha segnato per sempre questo insegnante. I bulli vanno aiutati, specialmente dai professori.

Forse è meglio chiudere. No comment. #FacceCaso

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0