Tempo di lettura: 3 Minuti

Litsy: il Social Network dei libri e delle discussioni letterarie

Litsy: il Social Network dei libri e delle discussioni letterarie

Definito l’alternativa colta a Facebook, si tratta di un’app dedicata esclusivamente al mondo dei libri, recensioni,commenti e molto altro, con un lim

Su YouTube c’è un social network
Instagram, le stories per le scuole!
Instagram dice addio all’ordine cronologico: benvenuti algoritmi

Definito l’alternativa colta a Facebook, si tratta di un’app dedicata esclusivamente al mondo dei libri, recensioni,commenti e molto altro, con un limite preciso: 300 caratteri di pura cultura.

Molti trovano Facebook troppo aperto al trash, ossia alla facilità con cui chiunque può proporre contenuti di discutibilissima qualità. Quindi, nonostante abbia vantaggi e utilità evidenti, alcuni si sono stufati, ritenendolo nocivo per una mente critica. Ma chi tra noi, nati negli anni 90/2000, può davvero vivere lontano dai Social Network e da Internet? Quasi nessuno, a meno che non siate eremiti. Allora si possono pur sempre cercare valide alternative, che rispecchino meglio la propria natura e le proprie attitudini.
Un esempio? L’amore per la cultura, i libri e la letteratura nel suo complesso. E se vi stesse chiedendo: “esiste un posto dove liberare la nostra vena artistica?”, la risposta adesso è , un piccolo pianeta all’interno di internet, per voi è stato trovato, e si chiama Litsy.

“Ci siamo resi conto che i lettori fanno conversazioni molto appassionanti faccia a faccia che non vengono però catturate digitalmente” hanno dichiarato Todd Lawton e Jeff LeBlanc, autori di quest’applicazione, che hanno proprio pensato a dar vita alla prima vera community digitale per gli amanti della letteratura. Hanno così realizzato un database di libri,sulle fondamenta dei più classici Social Network, dove si possono pubblicare post di vario genere: commenti brevi, citazioni o recensioni. Il tutto è controllato da una regola in pieno stile Twitter, ossia il limite di 300 caratteri e massimo una foto. Viva la praticità e la sintesi!

Quali sono le altre funzioni garantite? Immaginatevi proprio un Facebook alternativo, con un’altra prospettiva, ad esempio guardare i profili… dei libri! Si possono inoltre segnalare i post contenenti spoiler (che bellezza!) e dare un punteggio, Litfluence, agli utenti più influenti dell’App.
Per adesso questo progetto si starealizzando, in forma gratuita, solo per dispositivi Apple. Ma l’idea è interessante, la tematica “originale” e non dubitiamo che possa prendere piede in maniera massiccia. In attesa di novità vi invitiamo a provare questo “libro mobile”!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0