Tempo di lettura: 1 Minuti

Muore a 28 anni per un male incurabile

Uno studente universitario ha lasciato parenti, amici e studi a causa di una malattia prepotente e invasiva. Di Giulia Pezzullo Palermo - Colpito da u

Dario Fo e la crisi dei giovani
Il Dna dei sardi? Ora si compra!
Tragedia a Napoli: ventenne morta per attraversare i binari del treno

Uno studente universitario ha lasciato parenti, amici e studi a causa di una malattia prepotente e invasiva.

Di Giulia Pezzullo

Palermo – Colpito da un male incurabile, uno di quelli che non lasciano scampo alla vita, è morto sabato 16 aprile Leonardo Scibetta, uno studente universitario di 28 anni. Studiava Scienze Motorie all’Università di Palermo, una passione grande derivata dall’amore per il calcio che praticava nella squadra di Canicattì, la sua città.

Leonardo era anche ospite da ben quattro anni nella Residenza Santi Romano come studente fuori sede, gestita dall’Ersu (l’ente che si occupa del diritto allo studio). Il ragazzo era molto conosciuto nell’ambiente universitario sia per la passione per gli studi che conduceva sia per la semplicità e la simpatia che lo caratterizzavano sia per il coraggio dimostrato nell’affrontare la malattia che lo ha portato via. Ieri pomeriggio si sono svolti i funerali nella chiesa della Sacra Famiglia e, nei giorni da sabato ad oggi, sono nate molte pagine Facebook a lui dedicate tramite le quali amici, conoscenti e parenti hanno la possibilità di condividere foto, ricordi e pensieri. Inoltre, la squadra del Canicattì calcio, durante la partita domenicale, ha osservato un minuto di silenzio in onore dello studente e l’Ersu ha scritto un elogio di condoglianze sul proprio sito internet.

Leonardo era benvoluto da tutti e stava studiando per seguire una passione. Sono queste le cose che non dovrebbero succedere, è qui che ci aspettiamo il progresso della tecnologia e della medicina: debelliamo la parola ‘incurabile’.

Di Giulia Pezzullo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0