Tempo di lettura: 3 Minuti

Uno sportello che mira all’onestà

Uno sportello che mira all’onestà

Il rettore dell’Università di Bari ha deciso di creare un nuovo strumento che permetta di evitare nuovi scandali legati alle irregolarità nel mondo ac

+2 per l’ educazione fisica alle scuole elementari e medie
Numero chiuso: tutte le polemiche e le reazioni
Climate Art Project: l’arte per l’ambiente

Il rettore dell’Università di Bari ha deciso di creare un nuovo strumento che permetta di evitare nuovi scandali legati alle irregolarità nel mondo accademico.

E’ stato istituito a Bari un modo per contrastare le irregolarità all’interno degli atenei. Lo “Sportello dell’Onestà” serve infatti a fare in modo che eventi come quelli che si sono verificati nei giorni scorsi, ovvero una serie di arresti per presunte irregolarità negli esami di abilitazione alla professione di forense risalenti a dicembre 2014, non accadano più. No, non è proprio un qualcosa di cui andarne fieri, ma è uno dei modi per provare a cambiare questo sistema che sembra sempre più marcio (scusate il pessimismo).

Voluto fortemente dal rettore dell’Università di Bari, Antonio Uricchio, servirà dunque per ascoltare quelle proposte e segnalazioni che permetteranno di intervenire qualora fossero riscontrate delle irregolarità. Ricordiamo che, a causa dell’inchiesta di cui sopra vi parlavo, è finita agli arresti un’ex funzionaria dell’Università e sono sospettati, seppur ancora a piedi libero, due docenti della facoltà di Giurisprudenza. Ma strumenti simili a questo (che è stato attivati presso il Dipartimento per il Coordinamento dell’Azione amministrativa con le funzioni di governo e che è reperibile all’indirizzo di posta sportellonesta@uniba.it) erano già stati inventati.

Il “Garante dei Comportamenti”, il “Comitato Permanente dell’Osservatorio Etico Pugliese” ed il “Garante degli Studenti” erano tre siti istituiti per fare in modo che tutto avvenisse secondo le regole. In una note dell’Università si legge come è compito degli atenei quello di formare “donne e uomini migliori”, che si devono informare ed avere uno spirito critico.

E’ sicuramente un ottimo strumento che servirà in futuro e che, in collaborazione con gli altri già esistenti, cercherà di evitare momenti come quelli di qualche giorno fa che non proprio consoni con lo spirito accademico. E’ vero, tutto ciò non dovrebbe essere fatto in quanto la buona condotta e l’onestà dovrebbero essere i valori cardini del nostro comportamento. Ma sempre meglio prevenire che curare.

Di Lorenzo Santucci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0