Tempo di lettura: 3 Minuti

EduOpen: un nuovo modo per seguire la lezione

EduOpen: un nuovo modo per seguire la lezione

La digitalizzazione sta prendendo il sopravvento anche nel mondo accademico: ecco quindi che spopolano le lezioni a distanza. Dite la verità: a quanti

Padellaro docet
Cannabis Business School: la prima scuola di formazione italiana sulla cannabis!
CocaCola per i giovani e il lavoro: nasce #YouthEmpowered

La digitalizzazione sta prendendo il sopravvento anche nel mondo accademico: ecco quindi che spopolano le lezioni a distanza.

Dite la verità: a quanti succede, anche troppo spesso, di non andare a lezione per via di qualche motivazione più o meno plausibile? Vuoi che la sera prima hai fatto tardi, lo sciopero dei mezzi pubblici, la pioggia o semplicemente la pigrizia, ogni scusa è buona per rimanere a casa. C’è però un modo per seguire le lezioni anche da casa: basta collegarsi al sito eduopen.org.

Creato un anno fa e voluto fortemente dal Miur e dal Ministero dell’Istruzione (che lo ha finanziato con 100.000 euro), permette di seguire a distanza dei corsi formativi, tenuti da docenti universitari. Alcune università private già adoperavano questo strumento per far seguire le spiegazioni agli studenti ovunque essi siano, ma stavolta si tratta di un qualcosa di totalmente gratuito. Al progetto hanno aderito 14 atenei italiani, ognuno dei quali ha deciso di iniziare con un percorso. Si passa dalla medicina alla matematica, dalle scienze umane e sociali alla tecnologia fino ad arrivare a materie prettamente riservate al mondo digitale e sono dei corsi che durano dalle tre alle cinque settimane.

Gli atenei che hanno deciso di aderire sono: Politecnico di Bari, Università Aldo Moro di Bari, Università del Salento, di Catania, Foggia, Genova, Bolzano, Parma, Perugia, quella Politecnica delle Marche, Milano-Bicocca, Modena e Reggio Emilia e per ultima, non per importanza ovviamente, l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Nove percorsi sono già in rete e possono essere seguiti dai ragazzi. Tra questi figurano alcuni di matematica in preparazione all’università ed altri corsi digitali e medicina per un totale di 68 corsi: ma il sito si prepara ad accoglierne altri. UduOpen rilascerà degli open badge, ovvero dei semplici attestati digitali, con i quali lo studente potrà verificare le proprie conoscenze acquisite. Come vi dicevo in precedenza è tutto a titolo gratuito ma per chi volesse farsi rilasciare degli attestati o delle certificazioni finali è previsto il pagamento di una piccola tassa.


E’ sicuramente un ulteriore passo in avanti fatto dalle università per venire incontro alle esigenze degli studenti, i quali magari una volta non possono essere presenti a lezione per via di una semplice febbre ma possono comunque seguire le spiegazioni. Il mondo è sempre in continua evoluzione, questo dobbiamo oramai mettercelo in testa: ma guai a cambiare totalmente il modo di insegnamento.

La spiegazione del nostro caro vecchio professore è sempre il miglior modo per imparare.

Di Lorenzo Santucci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0