Tempo di lettura: 2 Minuti

Spotify: to music and beyond!

Spotify: to music and beyond!

L’inarrestabile piattaforma musicale con 75 milioni di registrazioni a fine anno estenderà lo streaming on demand anche ai video e alle serie tv. Di S

Imparare le lingue? Ecco le migliori app!
In Campania si fugge delle Università
Laurearsi in Videogiochi ed Animazione: corso triennale in Campania

L’inarrestabile piattaforma musicale con 75 milioni di registrazioni a fine anno estenderà lo streaming on demand anche ai video e alle serie tv.

Di Silvia Carletti

Nata nel 2008 da una startup svedese, Spotify nel giro di pochi anni ha dominato il mercato musicale mondiale e adesso si propone una nuova sfida: la realizzazione di serie-video. Un’idea che tutti gli amanti della musica apprezzeranno perchè darà loro la possibilità di conoscere più da vicino il mondo degli artisti, senza trascurare la varietà della scelta di album e brani da riprodurre.

Così giustifica la scelta dell’azienda Tom Calderone, leader dei partners di Spotify: “Stiamo lavorando con produttori e partner che comprendono che il pubblico di Spotify ha un forte legame con gli artisti e vuole andare più a fondo nei loro mondi, vedere i loro spettacoli e i loro modi di esprimersi, e ascoltare le loro storie”. Attirare gli utenti attraverso la scoperta di nuovi contenuti, avvicinarli al mondo che si nasconde dietro la semplice riproduzione di un brano, estendere i propri orizzonti oltre le classiche funzioni di playlist e raccolta musicale: questo l’obiettivo della società che sta mettendo a dura prova i colossi della diffusione video finora indiscussi, Youtube e Apple Music.

Il tema dominante delle serie sarà la musica e progressivamente saranno inseriti documentari, commedie e video di animazione.

Per la realizzazione degli episodi, della durata di circa 15 minuti ciascuno, è stata chiesta la collaborazione di personaggi di rilievo come l’attore Tim Robbins (da Le ali della libertà) e i produttori Russell Simmons (etichetta discografica Def Jam) e Van Toffler (della Gunpowder & Skyand).

Gli utenti potranno accedere direttamente dal loro account su Android o iOS, se si dispone della versione Premium del programma, e seguire le puntate gratuite o a pagamento. Adesso non resta che attendere la distribuzione delle serie, prevista entro la fine dell’anno in Germania, Gran Bretagna, Svezia e Stati Uniti e che successivamente raggiungerà gli utenti di tutto il mondo.

Enjoy it!

Di Silvia Carletti

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0