Tempo di lettura: 2 Minuti

È pace tra il Coni e l’Università del Foro Italico

È pace tra il Coni e l’Università del Foro Italico

Giovanni Malagò comunica la tregua, la Palazzina Ex Civis alla Farnesina sarà a disposizione dell’Università. Di Ludovica Gentili Undici anni di confl

Ciao Manuel, io faccio il tifo per te
A scuola con… Benedetta Pilato!
Michael Phelps insegnante all’università

Giovanni Malagò comunica la tregua, la Palazzina Ex Civis alla Farnesina sarà a disposizione dell’Università.

Di Ludovica Gentili

Undici anni di conflitto senza riuscire a trovare la via di mezzo per raggiungere un accordo pacifico, ma ieri il contrasto tra Coni e Università del Foro Italico si è finalmente concluso con una bellissima sorpresa.

L’Università potrà contare sull’appoggio “fisico e morale” del Coni che ha accordato di permettere l’uso della Palazzina Ex Civis di fronte alla Farnesina, che se necessario ospiterà gli studenti sia per la didattica che per la mensa, e in futuro c’è la possibilità che le strutture a disposizione aumentino.

A dare la notizia è stato Giovanni Malagò che si è ritenuto soddisfatto e contento del risultato ottenuto, poiché gli studenti da 2.200 potrebbero nel tempo aumentare di numero. Se il sereno è tornato qui, qualche nuvola carica di pioggia resta sul rapporto che vede protagonisti il Coni e la Federnuoto a causa della situazione nata dalla denuncia di “truffa aggravata” mossa dal Coni contro la Federnuoto due anni fa, relativamente ai soldi ottenuti per la ristrutturazione della piscina olimpica del Foro Italico per il Mondiale dell’anno 2009.

Mettere mano in questo genere di contenziosi non è mai cosa semplice e richiede parecchio tempo prima che si raggiunga una tregua vera e propria. Senza dubbio sussistono tutta una serie di programmi e progetti che distolgono l’attenzione su queste vicende, per poter dedicare l’attenzione a nuovi eventi organizzati per i prossimi mesi, come il Torneo Red Bull, la presentazione della Nazionale per gli Europei di Grosseto e il Workshop sulla sostenibilità allo Juventus Stadium.

Una macchina sempre a lavoro, in continuo movimento per apportare migliorie e produrre risultati di qualità, certo le beghe non mancano ma del resto dove si lavora è normale incontrare anche contrasti ma siamo certi che con il tempo riceveremo buone notizie anche su questo fronte che oggi è un po’ controverso.

Per il momento godiamoci l’avvento della pace raggiunta con l’Università e approfittiamo di tutti i servizi offerti.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0