Tempo di lettura: 2 Minuti

“42”, la scuola dei geek è a Parigi

Dimenticate professori, lezioni e orari. Una scuola di progettazione fuori dagli schemi. Di Stefano Di Foggia Per entrare in questa scuola non sono ne

Aria nuova nelle facoltà
Incentivi per assunzioni, abbiamo novità
L’università si paga sempre meno

Dimenticate professori, lezioni e orari. Una scuola di progettazione fuori dagli schemi.

Di Stefano Di Foggia

Per entrare in questa scuola non sono necessari titoli di studio o denaro. Basta avere tra i 18 e i 30 anni, essere interessati all’informatica e avere tanta fantasia.
Si chiama “42”, nome preso in prestito dalla “Guida galattica per autostoppisti” di Douglas Adams, libro di culto della “geek generation”. È in un cubo moderno e luminoso tra i quartieri periferici di Parigi. L’hanno creata nel 2013, Xavier Niel, noto imprenditore di successo francese e altri tre. Tra cui il direttore Nicolas Sadirac, nato a Bordeaux ha poi studiato negli Stati Uniti ed è stato al lungo alla guida di Epitech, un’Università privata che oggi è un punto di riferimento mondiale nell’insegnamento di Information Tecnology.

42 è una scuola speciale, senza professori, senza corsi, che non rilascia diplomi, gratuita e aperta 24 ore su 24 e sette giorni su sette. Anche la selezione è particolare, sostanzialmente ti buttano in “piscina” e impari a nuotare.

Ma lo stage sembra più un mare in tempesta che una piscina. I candidati arrivano a scuola e non c’è nessuno ad accoglierli, nessuno a spiegargli nulla. Vanno a sedersi davanti a un computer sul quale c’è scritto “clicca qui”. Cliccando si da il via a un percorso che dura quattro settimane e che funziona a livelli, come un videogioco. Ci sono trappole, memorie cancellate e “mostri” da sconfiggere, il tutto in una stanza sempre piena di vita e di rumore.

I pochi che arrivano in fondo, diventano studenti della scuola e iniziano un percorso formativo quasi completamente autogestito.

Insomma, a quanto dice Sadirac: “42” è in qualche modo una scuola per gente “out of the box”, ed è un errore pensare che Niel la finanzi perché ha bisogno di genietti per la sua azienda. Se l’obiettivo fosse stato questo avrebbe potuto farsi una cosa sua, spendendo molto meno e non una scuola che fornisce sviluppatori anche ai suoi concorrenti”. Infatti per questa operazione Xavier ha messo sul piatto 100 milioni di euro del suo patrimonio personale. Sadirac aggiunge: “Ci ha imposto di non riflettere al possibile modello economico della scuola per almeno sette anni. In realtà è difficile non pensarci. Tanto più che l’idea di fondo è relativamente semplice e il meccanismo dovrebbe scattare quasi automaticamente: il finanziamento futuro dovrebbe essere assicurato dai fondi provenienti dagli ex studenti che hanno fatto i soldi. Basti pensare che hanno già creato una sessantina di start up”.

Forse questa è la scuola del futuro, almeno in un campo dove la creatività e la fantasia sono fondamentali. In fondo, se si cercano idee fuori dagli schemi, bisogna trovare persone fuori dagli schemi e fornirgli spazi fuori dagli schemi.
Intanto la scuola sta avendo sempre più successo e i numeri sono molto positivi.

Il primo anno i candidati erano 50mila, nel 2014 65mila e l’anno scorso 80mila.

Una tendenza di crescita che fa guardare al futuro. Niel&Co pensano di esportare il modello, il progetto più concreto, per ora, è negli Stati Uniti, ma vorrebbero aprire delle sedi anche in Asia, in Australia e magari in Africa.

Di Stefano Di Foggia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0