Tempo di lettura: 1 Minuti

A Brescia la Diaz si colora di vernice e sorrisi

L’Associazione dei genitori della scuola ha messo in piedi un progetto per la riqualificazione dei locali dell’Istituto. Di Ludovica Gentili Spesso, q

A scuola per diventare Chiara Ferragni! A Bari il nuovo corso per “fashion blogger”
Un fiore nel cemento: a Bondeno nasce la prima scuola completamente antisismica
La Scuola che vietava i jeans strappati

L’Associazione dei genitori della scuola ha messo in piedi un progetto per la riqualificazione dei locali dell’Istituto.

Di Ludovica Gentili

Spesso, quando sentiamo nominare la parola “Diaz” la nostra mente fa sempre riferimento agli avvenimenti del 2001 accaduti in una scuola di Genova durante il G8. Un evento che fu definito pestaggio da “macelleria messicana”, dove l’irruzione dei Reparti mobili della polizia di Stato mise in pericolo la vita di 93 attivisti, ma in questo caso anziché mostrare un grugno di tristezza, il sorriso sorge spontaneo perché la protagonista del progetto di riqualificazione dell’Istituto è la Diaz di Brescia, la scuola primaria il cui nome onora l’immagine del generale Italiano.

“Bella Diaz, scuola mia” è il nome del programma messo in atto dall’Associazione dei genitori che si occupa di tenere sotto controllo l’andamento, la pulizia, la funzionalità e l’efficenza della scuola, e se è vero che chi fa da sé fa per tre, allora questi genitori ci hanno visto lungo, poiché, grazie alla festa di fine anno, verranno raccolti i fondi per sistemare e ristrutturare l’istituto.

Saranno i bambini a contribuire all’opera, verranno ritinteggiate le aule e alcune pitturate con storie animate per dare un tocco di allegria alle mura interne ed esterne. Un’idea carina quella di prendersi cura personalmente del luogo dove i propri figli trascorrono gran parte della giornata, anche per far respirare loro un’aria di serenità e di allegria anche fuori dalle mura domestiche, garantendogli divertimento sviluppando la loro creatività. Sembra proprio che l’idea di infilare una tuta, un cappellino di carta e impugnare un pennello non li spaventi e siamo sicuri che con tanto olio di gomito e qualche sorriso ne verrà fuori uno splendido lavoro.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0