Tempo di lettura: 1 Minuti

Giuro che vado e torno!

Giuro che vado e torno!

La Regione Lazio promuove "Torno Subito", il progetto che manda i ragazzi a fare esperienze fuori dal territorio laziale e poi li riporta a casa per f

Corsi di Laurea, ecco il turnover: ne arrivano ben 6 nuovi
Soft Agency: prima ti formo, poi ti assumo!
Co-Vida, la piattaforma che raccoglie tutte le iniziative gratuite per la quarantena

La Regione Lazio promuove “Torno Subito”, il progetto che manda i ragazzi a fare esperienze fuori dal territorio laziale e poi li riporta a casa per farli lavorare con le competenze acquisite.

Se ti lamenti che non è facile fare esperienze lavorative in giovane età, la Regione Lazio ha qualcosa che fa per te: il progetto “Torno Subito”. Inserito nel Programma Operativo Fondo Sociale Europeo Regione Lazio, questa idea nasce per

dare la possibilità a studenti universitari o laureati dai 18 ai 35 anni di fare esperienze di alta formazione e professionalità in vari campi lavorativi.

La mente dietro a tutto questo è quella del Laziodisu, dello Staff di Assistenza Tecnica e soprattutto dell’Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola, Università e Turismo che per il solo anno 2016 ha stanziato circa 20 milioni di euro di fondi per sviluppare totalmente il progetto. Gli obiettivi principali sono quelli di potenziare le capacità del singolo in sinergia con quelle della collettività per creare team di lavoro sempre più qualificati e preparati ad affrontare qualsiasi situazione. Nell’ottica del raggiungimento degli standard europei in ambito universitario e lavorativo, infatti, l’incremento degli incentivi sui ragazzi è un passo fondamentale per vedere realizzato il tanto atteso progresso.

“Torno Subito” si chiama così perché vuole sottolineare l’organizzazione di cui si nutre e la suddivisione interna che ospita in qualità di grande contenitore di opportunità: una prima fase fuori dal Lazio, una seconda fase nel Lazio. “Parti per imparare, torni per crescere“, questo è il motto del progetto. Pertanto, chi presenterà il curriculum per partecipare a una delle iniziative che aderiscono potrà frequentare corsi di formazione e master in altre regioni italiane, in Paesi europei ed in Paesi extra europei per poi tornare in territorio laziale e usufruire delle nozioni apprese per affrontare la seconda fase, che comprende tirocini di varia natura. Va sottolineato che i candidati devono necessariamente essere residenti o domiciliati nella Regione Lazio almeno da 6 mesi; la cittadinanza non ha importanza in quanto il bando di partecipazione è aperto a ragazzi italiani e stranieri.

Le linee di progetto che sono state identificate sono tre e toccano diversi interessanti aspetti: “Torno Subito Formazione”, “Torno Subito Work Experience” e “Torno Subito Cinema”. Il primo tra questi è mirato alla frequenza di laboratori e masterclass di specializzazione per periodi dai 3 ai 12 mesi a cui seguiranno tirocini o fablab della durata di 3-6 mesi. Il secondo, invece, ha come obiettivo stage di 3 mesi e tirocini o fablab di 3-6 mesi. Per concludere, la terza tematica, che è eccezionalmente aperta anche ai diplomati, permette di fare esperienze formative a livello cinematografico per periodi da 1 a 6 mesi a cui faranno seguito le stesse attività dei precedenti ambiti. Oltre a garantire una grande quantità di opportunità per il futuro, il progetto promosso dalla Regione Lazio verserà un contributo ai vincitori del bando per il rimborso spese di vitto, alloggio e viaggio, per l’assistenza sanitaria, per l’acquisto di corsi di formazione e per i servizi di assistenza alle persone con disabilità.

Per partecipare, basta informarsi sul sito di “Torno Subito” per vedere quale tipo di progetto è attivo in un preciso momento. Per esempio,

attualmente è aperto il bando per un corso di formazione in “Biotecnologie molecolari e cellulari”

coordinato dall’Università di Teramo, che ospiterà la prima fase; per la seconda fase, invece, si farà esperienza lavorativa nel Lazio in un azienda ospitante. La scadenza per presentare le proprie credenziali è il 25 giugno.

Non male per un territorio che offre poche opportunità ai giovani. Hai varie opzioni per crescere, questo è certo. Ma se ti interessa fare un’esperienza per arricchire il tuo curriculum, dovresti davvero dare un’occhiata a questo progetto.

Di Giulia Pezzullo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0