Tempo di lettura: 3 Minuti

Vende il suo progetto a Snapchat: prende la famiglia e si mette a girare il mondo

Vende il suo progetto a Snapchat: prende la famiglia e si mette a girare il mondo

Garrett Gee, 26 anni, non c’ha pensato due volte. Ricevuti 50 milioni da Snapchat per l’app creata, ha preso moglie e figli ed è partito in giro per i

Snapchat ha bruciato 800 milioni di dollari
Sempre più come Snapchat: anche per Instagram gli adesivi geografici
Facebook vs Snapchat, la battaglia a colpi di autodistruzione

Garrett Gee, 26 anni, non c’ha pensato due volte. Ricevuti 50 milioni da Snapchat per l’app creata, ha preso moglie e figli ed è partito in giro per il mondo.

Da ex studente mormone dello Utah, Garrett Gee ha ideato e venduto l’App “Scan” a Snapchat nel dicembre 2014. Inizialmente ha continuato la sua vita standard, nell’appartamento con moglie e due bambini, come se quei 50 milioni non fossero mai arrivati, poi però la decisione: vendere tutti i loro averi e partire. Doveva essere una lunga vacanza, salvo poi trasformarsi in un progetto di vita, che li ha condotti attraverso Australia, Fiji, Indonesia, Africa, Bahamas e Nuova Zelanda (per ora). Questo non è solamente il loro sogno, ma qualcosa di più, il dare corpo alla passione per i viaggi e le avventure , cercando allo stesso tempo di crescere attraverso il mondo, prima di sistemarsi in maniera “convenzionale”.

Il loro desiderio in questo percorso è anche quello di restituire qualcosa alla società, ed è per questo che, attraverso il loro sito/diario di bordo , indicano tutto riguardo i viaggi, pubblicando su Instagram le foto, ma soprattutto invitando i followers a partecipare a concorsi per aiutare i più bisognosi.

Grazie a ciò, sono già riusciti ad assegnare una vacanza a Disneyland ad una famiglia in difficoltà, oltre a finanziare ben cinque interventi laser agli occhi. A volte nella vita riceviamo così tanto, che qualcuno, buono di cuore, è capace di scrollarsi di dosso la natura umana più egoistica e mettersi davvero al servizio degli altri, in più godendosi il proprio sogno. Non male ragazzi.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0