Tempo di lettura: 2 Minuti

Firmato contratto mobilità 2016/2017: ora resta da risolvere il problema chiamata diretta

Grande passo in avanti per il mondo della scuola. Miur e sindacati firmano l’accordo per il nuovo contratto integrativo mobilità annuale. Ieri, mercol

Futuro: cosa fare dopo la scuola?
Nuovo contratto per i presidi is coming: su lo stipendio e retribuzione equiparata
Contratto per istruzione e ricerca, prima firma

Grande passo in avanti per il mondo della scuola. Miur e sindacati firmano l’accordo per il nuovo contratto integrativo mobilità annuale.

Ieri, mercoledì 15 giugno 2016, i rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e dei sindacati hanno finalmente apposto la firma sul nuovo contratto integrativo riguardante la mobilità annuale.
Un grande traguardo quello raggiunto da Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda Unams e Snals Confsal che tutelerà in maniera significativa la mobilità del personale scolastico per l’anno 2016/2017.

Il contratto fornirà la massima possibilità di spostamento degli insegnanti anche se potrà avvenire per un solo anno scolastico: le assegnazioni provvisorie verranno disposte sulle singole scuole nel caso in cui vi siano posti disponibili.

Certo è che resta da affrontare la questione riguardante la chiamata diretta dei docenti. L’obiettivo è quello di trovare una soluzione in grado di garantire massima trasparenza nei criteri adottati per il passaggio dei docenti assegnati ad ambito territoriale alle singole scuole. Il Miur però, non intende assolutamente mettere in discussione il potere conferito al dirigente scolastico dalla legge 107: per il momento i presidi continueranno a poter scegliere quali docenti introdurre nel proprio organico scolastico. #FacceCaso

Di Francesca Romana Veriani

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0