Tempo di lettura: 1 Minuti

L’Islam grida all’orrore ma difende il suo popolo: ecco l’appello dell’Università di Azhar

L’Islam grida all’orrore ma difende il suo popolo: ecco l’appello dell’Università di Azhar

Attraverso un comunicato, si invita a non considerare folli omicida tutti gli islamici. Di Ludovica Gentili In molti potrebbero esclamare: “da che pul

Le giovani reclute dell’ISIS
Attentato a Manchester: quanti giovani
20 ragazzi bruciati vivi dall’Isis

Attraverso un comunicato, si invita a non considerare folli omicida tutti gli islamici.

Di Ludovica Gentili

In molti potrebbero esclamare: “da che pulpito viene la predica” ma il buon senso porta senza dubbio ad affrontare con la massima delicatezza il tema. L’Islam, forse, sente di doversi in qualche modo giustificare rispetto alla strage di Orlando, invitando a non usare l’accaduto come ulteriore accusa verso la cultura musulmana, ma risulta difficile poter aderire a questa forma di pensiero. Un crimine atroce che non merita giustificazione né comprensione.

Ok, non si deve fare di tutta l’erba un fascio, ma bisogna sempre ricordare che sono le azioni compiute a produrre reazioni e opinioni, e certo, in questo caso risulta improbabile nutrire sentimenti nobili.

Attraverso un comunicato lanciato dall’Università islamica di Azhar, si grida all’orrore, ma nello stesso tempo si invita a non “calcare la mano” poiché non tutti i musulmani sono senza pietà.

La tesi sostenuta, spiega che alimentare il risentimento favorisce il terrorismo, ma non si può vivere con il terrore di esprimere un proprio pensiero, che tra l’altro è comune, per la paura di essere nel mirino dei loro progetti criminali, altrimenti saremmo tutti vittime e sottomessi.

Donald Trump non cede e dichiara che qualora dovesse essere eletto sospenderà l’immigrazione negli Usa nelle aree che molto hanno a che fare con il terrorismo.

Difficile pensare che ci sia una tregua, difficile immaginare che non sussisteranno più stragi di questo tipo, il nostro compito oggi è tutelarci da eventuali attacchi e commemorare le povere anime che sono cadute in disgrazia il 13 giugno.

È dura, ma purtroppo è la tragica verità.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0