Tempo di lettura: 2 Minuti

Università di Firenze in continuo rinnovamento

Il rettore Luigi Dei presenta il nuovo programma per l’anno accademico 2016/2017 che ad un primo sguardo, sembra essere di gran qualità. Di Ludovica G

Caro università: Messina la più cara in Sicilia
Neanche gli Spectacles di Snapchat sfondano
Invenzione di due studenti per dare voce ai sordomuti

Il rettore Luigi Dei presenta il nuovo programma per l’anno accademico 2016/2017 che ad un primo sguardo, sembra essere di gran qualità.

Di Ludovica Gentili

L’Università continua a voler stupire con le sue innovazioni e trovate geniali per incentivare il numero di iscritti ma soprattutto per evolversi sul piano didattico.E’ la volta dell’Ateneo fiorentino, che propone per l’anno accademico 2016/2017 nuovi corsi di laurea con titolo doppio e tasse invariate.

Sono 55 i corsi formativi di laurea triennale e 9 corsi per la magistrale stabiliti per il prossimo anno accademico, con la novità del percorso di I livello di in Ingegneria gestionale e il doppio titolo nell’ambito della laurea magistrale Finance and risk management.

Corsi di Giurisprudenza italiana, francese e tedesca che rilasciano titolo congiunto, 6 corsi di laurea in lingua inglese, una scelta vastissima che lascia curiosità e mille porte aperte da scoprire. Il tanto conosciuto libretto dove compaiono i voti presi per ogni singolo esame, lascerà spazio ad una tessera universitaria che permetterà l’accesso a tutti i servizi universitari e bibliotecari. Il rettore Luigi Dei, dopo aver presentato i progetti per il nuovo anno, si ritiene soddisfatto nel complesso della struttura e dei programmi stabiliti e si propone come un ottimo punto di riferimento per tutti gli studenti. Sarà disponibile per tutti una App che permetterà di accedere con le proprie credenziali alla consultazione della propria carriera universitaria e a tutti gli eventi in programma.Difficile pensare che il tutto non possa essere funzionale e di grande aiuto per tutti coloro che studiano in questa Università, si aprono mille prospettive in più che danno un’idea del futuro più interessante anche solo per la possibilità di scegliere percorsi nuovi e internazionali.

Che dire, a vederla così sembra un sogno che dovrebbe far invidia a molti altri atenei dello Stivale, e ci rende felici del fatto che sono in cantiere di continuo mille altre novità per migliorare nel complesso la condizione dello studente e delle strutture da lui scelte per iniziare un percorso di conoscenza.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0