Tempo di lettura: 2 Minuti

La Sharapova riparte da Harvard

La Sharapova riparte da Harvard

La bella tennista Russa si è iscritta all’università, in attesa di conoscere la sentenza del TAS per il suo caso di doping. Bella, brava e pure intell

La commissione Cultura in apprensione per i mancati soldi destinati alla scuola nel Def
L’Università di Bari ha risanato i conti

Lo sviluppo della facoltà di giurisprudenza nelle università delle Marche

La bella tennista Russa si è iscritta all’università, in attesa di conoscere la sentenza del TAS per il suo caso di doping.

Bella, brava e pure intelligente. Maria Sharapova in queste tre parole ci rientra in pieno, e non parlo solo per un debole personale.
Tipica Russa bionda dallo sguardo glaciale, 29 anni a lungo ai vertici del tennis mondiale, dopo gli ultimi Australian Open era stata trovata positiva al “meldonium”, un farmaco anti-ischemico, che a quanto pare migliora le prestazioni sportive. La Wada, agenzia mondiale anti-doping, ad inizio anno l’aveva inserito tra le sostanze vietate viste i miglioramenti di performance che si potevano ottenere, così da sospenderla per due anni dalla Federazione Internazionale di tennis. La Sharapova aveva poi deciso di giocarsi un’altra possibilità e di fare ricorso alla Corte di Arbitrato per lo Sport (Tas) per contestare l’entità della squalifica.

La russa però non è certo abituata a stare ferma e attendere, quindi

ha deciso di iscriversi a un corso di proprio nella prestigiosa Harvard.

La notizia ovviamente è stata data attraverso i social che lei utilizza quotidianamente, rendendo molto fortunati i restanti studenti dell’Ateneo, che adesso possono vantare una “collega” non di poco conto!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0