Tempo di lettura: 3 Minuti

Quando le scale sono roba vecchia

Nuova impresa per i Daredevils che conquistano la Tour Eiffel a mani nude. Hai mai scalato un albero? Magari da piccolo l'hai fatto col caschetto e l'

Bando Giovani – ReLoaded 2017: un’opportunità per under 30 con l’anima da Startup
Alternanza scuola lavoro: bilancio positivo?
Corso su social network d’impresa a Bologna

Nuova impresa per i Daredevils che conquistano la Tour Eiffel a mani nude.

Hai mai scalato un albero? Magari da piccolo l’hai fatto col caschetto e l’imbracatura, guardato a vista dai tuoi genitori o da un maestro professionista. Ma c’è chi lo fa a mani nude e senza alcuna protezione.

I Russian Daredevils sono tre ragazzi russi che amano mettere in pericolo la propria vita in mirabolanti e temerarie attività urbane

in cui camminano su gru, si arrampicano sui palazzi, corrono sui cornicioni dei grattacieli tutto esclusivamente senza alcun gancio o corda di sicurezza. Ognuna delle loro esperienze viene rigorosamente filmata e diffusa in rete e diventa virale in pochi minuti. Fare cose pericolose è il loro biglietto da visita e sembra proprio che non abbiano paura di nulla.

Ivan Kuznetsov, Alihan e Ivan Semenov sono alla ricerca di adrenalina pura e fanno prendere parecchi spauracchi a tutte le persone che hanno la fortuna di incontrarli. Normali giornate da turisti possono trasformarsi in esperienze strabilianti. L’ultima trovata dei Daredevils? Scalare la Tour Eiffel a mani nude!

Si sono presentati al botteghino e hanno comprato il biglietto come tutti gli altri ma, anziché salire con scale e ascensore, sono riusciti a evitare i controllori della sicurezza e iniziare la pericolosa scalata. Trave dopo trave, il metallo della torre parigina scorreva sotto le loro mani e le macchine diventavano sempre più piccole man mano che salivano. Un drone li ha seguiti passo, passo, registrando l’impresa dei temerari russi.

Nessuna paura e tanta pazzia per tre giovani alla ricerca di chissà quale emozione forte. Tu continua a scalare gli alberi, che al massimo cadi sul prato!

Di Giulia Pezzullo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0