Tempo di lettura: 3 Minuti

Google inventa i Lego che insegnano a programmare

Google inventa i Lego che insegnano a programmare

La piattaforma si chiama Project Blocks e ha tutta l’aria di sembrare un’idea semplice e geniale. #FacceCaso. Questa volta la novità arriva da Google

Apple: ancora sanzioni per i creatori dell’iPhone
ALOHA mette insime Università ed intelligenza artificiale
Agricoltura , oramai si fa terra bruciata: sempre meno giovani in questo settore

La piattaforma si chiama Project Blocks e ha tutta l’aria di sembrare un’idea semplice e geniale. #FacceCaso.

Questa volta la novità arriva da Google e il suo nome è Blocks, una piattaforma aperta che mira a rendere accessibile il mondo della programmazione anche ai più piccoli e ai meno esperti.

Immaginatevi una scatola di Lego con una serie di blocchi che incastrandosi l’un l’altro formano semplici programmo e set di istruzioni da impartire a robot o altri dispositivi.

L’intento è quello di portare un linguaggio semplice e intuitivo all’interno del mondo reale, il tutto toccando e sperimentando con mano.

Ideato dalla casa di Mountain View grazie all’aiuto del ricercatore Paulo Bilkstein della Standford University e allo studio di design IDEO, l’obiettivo di Project Blocks è quello di coinvolgere il maggior numero di ricercatori possibili per dare vita tutti insieme ad una piattaforma comune. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0