Tempo di lettura: 1 Minuti

New Game Designer 2016: a Milano si è tenuto l’evento annuale in onore del videogioco

L’Università ospita la manifestazione e offre agli studenti un percorso di studi incentrato sui video game. Di Ludovica Gentili Ci sono giochi che non

Finalmente abbiamo il Monopoly Roma!
Pac-Man e Sonic arrivano su smartphone!
The Art of the Brick: “I sogni si realizzano.. un mattoncino alla volta!”

L’Università ospita la manifestazione e offre agli studenti un percorso di studi incentrato sui video game.

Di Ludovica Gentili

Ci sono giochi che nonostante il tempo e l’età non smettono di essere “giocati”, a differenza dei comuni peluche che ad un certo punto della propria vita finiscono in soffitta, realtà virtuali, combattimenti all’ultimo sangue, mondi paralleli sembrano eterni. Stiamo parlando dei videogiochi, un mondo a parte che coinvolge da sempre generazioni e generazioni senza passare mai di moda.

Ma cosa c’è dietro di essi? chi li produce, chi li crea, quali sono le menti geniali che realizzano tutto questo, che sono in grado di rapire le menti di piccoli e adulti donne e uomini?
L’Università statale di Milano ad esempio sforna anche questo genere di professionisti che niente hanno a che fare con la medicina, l’economia o la legge, ecco perché si è tenuto il 30 giugno presso l’Aula Magna dell’ateneo milanese il “New Game Designer 2016” un evento a cadenza annuale che raggruppa tutte le realtà più importanti del panorama videoludico.
Un appuntamento svoltosi all’insegna dell’elogio al videogioco, ripercorrendo la sua storia dalla nascita ai giorni nostri, sottolineando tutte le evoluzioni compiute.
All’ evento hanno partecipato tutti gli appassionati del settore che sono alla costante ricerca di nuovi talenti, che Milano ogni anno “produce” grazie al

corso di studi incentrato proprio sui videogame, mirato a creare e costruire personalità valide all’interno del settore.

Oltre alle personalità note del campo, che hanno partecipato alla manifestazione esponendo i progressi ottenuti nel tempo e le novità presto presentate al pubblico, è stato possibile ripercorrere interattivamente alcune funzioni di videogiochi famosi in tutto il mondo, che hanno fanno la storia.
Chi fosse interessato a diventare nella vita un programmatore e creatore di video game, può rivolgersi all’Università Statale di Milano!

Come on, let’s have fun!

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0