Tempo di lettura: 1 Minuti

UNICT investe sui giovani

Creare un binomio cultura-lavoro è indispensabile: i buoni propositi di Alessandra Gentile. L’ex monastero dei Benedettini di Catania ha recentemente

Boschi e lo studente, un racconto di ordinaria amministrazione
Università di Catania: e ora che succederà?
Problemi a scuola per molti disabili, una storia che non ci piace

Creare un binomio cultura-lavoro è indispensabile: i buoni propositi di Alessandra Gentile.

L’ex monastero dei Benedettini di Catania ha recentemente ospitato l’evento internazionale “Food Innovation”, è proprio in questa occasione che la prorettrice dell’Università di Catania, Alessandra Gentile, ha esposto il suo punto di vista sulla situazione della formazione accademica e lavorativa dei giovani siciliani. “L’Università di Catania è molto attiva nei settori agro e food con numerosi progetti europei, nazionali e regionali – spiega la dottoressa Gentilecrediamo nell’agricoltura e nell’investimento sui giovani come parte fondamentale del nostro nuovo modo di vivere, pensare e operare. Il primo passo, però, è legato a una corretta istruzione e preparazione universitaria. E’ necessario che i ragazzi intraprendano il loro percorso di studi e vengano formati correttamente sul futuro che vogliono intraprendere. Quest’anno anche la facoltà di Agraria di Catania, per esempio, ha registrato molti iscritti e ciò testimonia il grande interesse dei giovani verso l’agricoltura. Da un lato i ragazzi devono essere studenti, impegnarsi nella loro formazione, imparare e avere un bagaglio culturale ampio come base per iniziare il loro percorso lavorativo. Dall’altro l’università ha il compito di garantire loro uno sbocco lavorativo. Alcune delle start Up presentate sono modelli virtuosi e innovativi catanesi legati all’ateneo che ha una sua specifica tradizione di valorizzazione della realtà del territorio”.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0