Tempo di lettura: 2 Minuti

L’antibiotico del futuro ce l’avevamo proprio sotto il naso

Scoperto l’antibiotico in grado di bloccare lo stafilococco aureo. #FacceCaso. Immagino che a molti di voi non interesserà, ma ho 20 anni e mi stanno

Anni dimenticabili e batteri mutanti, bombe ne abbiamo al TG USA?
Ragazzo prodigio dice NO ai germi sugli aerei
Falsi miti e luoghi comuni estivi: sfatiamone alcuni

Scoperto l’antibiotico in grado di bloccare lo stafilococco aureo. #FacceCaso.

Immagino che a molti di voi non interesserà, ma ho 20 anni e mi stanno spuntando i denti del giudizio. Non lo auguro a nessuno, neanche al mio peggior nemico! L’unico modo che ho per alleviare il dolore lancinante che sto provando in questi giorni, è servirmi di antidolorifici o antibiotici in quantità industriale. La cosa bella è che a quanto pare, la scienza mi sta venendo in contro.

Scoperto l’antibiotico del futuro da parte di un gruppo di ricercatori dell’Università di Tubingen (Germania).

Secondo lo studio pubblicato su Nature e presentato a ESOF2016, il meeting europeo sulla ricerca scientifica, sarebbe in grado di uccidere molti ceppi di batteri, inclusi i microbi considerati pericolosi perché immuni ai comuni antibiotici.
Il microbo in questione si chiama Staphyloccus lugdunensis e pensate un po’, si trova proprio nel nostro naso. E’ la prima volta che un antibiotico viene isolato dal nostro corpo: la maggior parte dei farmaci esistenti, sono stati ricavati da batteri che vivono nel suolo. La scoperta è sicuramente avvenuta grazie alla crescita della ricerca sul microbiota, l’enorme popolazione di microrganismi che vive nel nostro corpo, nel tubo digerente e che svolge funzioni molto importanti per la nostra salute. E’ proprio da qui che si spera di estrarre i batteri che ci aiuteranno a combattere le infezioni e perché no, anche il mio mal di denti. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0