Tempo di lettura: 3 Minuti

Uruguay: Scuola e ambiente camminano insieme

Uruguay: Scuola e ambiente camminano insieme

Nasce in Uruguay la prima scuola pubblica ecosostenibile. Sono circa 200 i volontari arrivati in Uruguay, da 30 paesi diversi, per aderire al nuovo pr

Le 5 cose a cui dobbiamo fare caso per salvaguardare gli oceani questa estate
La Toscana guarda al futuro: scuole all’avanguardia ed ecosostenibili
Università di Bologna capofila nel progetto eCircular: obiettivo zero plastica

Nasce in Uruguay la prima scuola pubblica ecosostenibile.

Sono circa 200 i volontari arrivati in Uruguay, da 30 paesi diversi, per aderire al nuovo progetto lanciato: costruire la prima scuola pubblica dell’America Latina totalmente ecosostenibile.

L’istituto vedrà la luce nella regione costiera del Paese, il Jaureguiberry, scelta non casuale ma determinata dalla buon integrazione e complementarietà fra l’idea di progetto e la zona rurale. Qui una comunità del posto formata da circa 500 persone si darà da fare, insieme ai volontari, nell’impresa inaugurata pochi mesi fa.

Pioniere del settore e ideatore dell’opera, l’architetto americano fondatore della Earthship Biotecture, la cui firma appare già su diversi progetti a livello mondiale e con alle spalle 45 anni di esperienza nel settore degli edifici sostenibili.

La struttura sarà composta per il 60% da materiali riciclati e successivamente munito di sistemi di energia rinnovabile come l’eolica o la solare. Godrà poi della presenza al suo interno di giardini adibiti alla produzione di alimenti biologici.

“È stata realizzata con materiali che altrimenti andrebbero sprecati. Tra questi 2 mila pneumatici, 5 mila bottiglie di vetro, 2 mila metri quadri di cartone e 8 mila lattine di alluminio”.

Obiettivi del progetto sono l’accoglienza di un centinaio di bambini (nonostante 45 alunni siano già all’interno della struttura), istruire le persone del posto nell’utilizzo adeguato delle risorse naturali e l’educazione delle fasce minori secondo i valori del rispetto dell’ambiente, della natura e dell’innovazione sostenibile.

Questa è a scuola del futuro.

Di Laura Messedaglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0