Tempo di lettura: 2 Minuti

A Lamezia nessun edificio comunale ha il certificato antisismico

A Lamezia nessun edificio comunale ha il certificato antisismico

I 200mila euro richiesti nel 2013 non sono bastati per studiare la vulnerabilità di alcuni istituti. Dopo la tragedia che ha colpito Amatrice, Lamezia

A Dubai le università diventano “Free Zone”, zone franche per il commercio
Tanti investimenti giusti nell’ambito sbagliato: le colpe dell’Università
13 università britanniche rischiano la chiusura… e chi se ne importa?!

I 200mila euro richiesti nel 2013 non sono bastati per studiare la vulnerabilità di alcuni istituti. Dopo la tragedia che ha colpito Amatrice, Lamezia corre ai ripari. #FacceCaso.

Dopo il terremoto che ha recentemente colpito il centro Italia, i comuni ad alto rischio sismico corrono ai ripari. Lamezia è fra questi, a maggior ragione perché da una recente riunione della quinta commissione Pianificazione, sviluppo e governo del territorio del Comune presieduta da Luigi Murarca, è emerso che nessun edificio pubblico comunale, compresi gli edifici scolastici, ha la certificazione antisismica.

Nel 2013, il Comune chiese un mutuo di 200mila euro per lo studio della vulnerabilità sismica di alcuni edifici scolastici, somma comunque insufficiente ad omologare tutti gli edifici.

Questo significa che “gli edifici scolastici e tutti gli immobili appartenenti al Comune non hanno un certificato che attesti che le strutture siano antisismiche”, confessa il presidente della quinta commissione. Da qui la richiesta al sindaco di attivarsi il prima possibile “affinché si possano mettere in sicurezza almeno gli edifici scolastici, per tutelare garantire l’incolumità dei nostri figli”.

“Occorre affrontare di petto l’argomento affinché si trovino gli strumenti necessari per mettere in sicurezza l’intera città – ha evidenziato il consigliere comunale Mimmo Gianturcole condizioni strutturali in cui versano alcuni edifici scolastici e immobili pubblici presenti nel comune sono fortemente preoccupanti”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0