Tempo di lettura: 3 Minuti

McCURRY, NY 11 SETTEMBRE 2001

McCURRY, NY 11 SETTEMBRE 2001

Fumetti e fotografie del grande fotografo Steve McCurry per raccontare il tragico evento che ha cambiato per sempre il mondo intero. #FacceCaso. Sono

Strage Parigi, tra le vittime anche la studentessa italiana Valeria Solesin
Dalle tenebre alla luce: in Kenya oggi riapre l’università di Garissa
D’altra parte: giovani italiani islamici

Fumetti e fotografie del grande fotografo Steve McCurry per raccontare il tragico evento che ha cambiato per sempre il mondo intero. #FacceCaso.

Sono ormai passati 15 anni dall’attentato terroristico che ha sconvolto gli Stati Uniti d’America e cambiato per sempre il mondo intero. Ognuno di noi ha scolpite nella memoria le immagini che ancora oggi, a distanza di tanto tempo, ci riempiono il cuore di sconforto.

E’ proprio in occasione del 15° anniversario della caduta delle Torri Gemelle che Mondadori Comics ha deciso di regalarci una nuova e particolare rilettura del tragico evento, unendo il fumetto alla fotografia del grande maestro Steve McCurry. Il volume si intitola McCURRY, NY 11 SETTEMBRE 2001 e presenta ampi inserti fotografici originali di McCurry con 6 foto, di cui 8 totalmente inedite, fornite direttamente dall’archivio Magnum. Le pagine a fumetto sono invece opera di Jean – David Morvan e Jung Gi Kim. La particolarità di questo volume è da ricercare nella sintonia che si instaura tra tavole a fumetti e fotografie, in un intreccio narrativo che passa attraverso le vicende storiche che hanno portato al più grave attacco terroristico di sempre.



“E’ stato un evento epocale nella storia mondiale” ha commentato il fotografo. “La visione del mondo è cambiata: c’è ormai un prima e un dopo l’11 settembre. Non saremo mai più gli stessi, non potevamo immaginare tutto quello che sarebbe successo dopo. La vita sta cambiando. Ebbi la chiara percezione che era quello il mio dovere, che dovevo farlo, che ne andava della mia responsabilità di fotografo e di essere umano, tutte queste cose qui. Dovevo fotografare l’accaduto per creare una memoria degli eventi”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0