Tempo di lettura: 1 Minuti

Grosseto: si va a scuola per tre ore, mancano i docenti

Grosseto: si va a scuola per tre ore, mancano i docenti

Il provveditore promette organici completi entro una settimana, anche per il sostegno, nel frattempo si esce prima da scuola. #FacceCaso. In quasi tut

I docenti universitari con il doppio lavoro: il caso
Dalle stelle alle stalle. Il crollo di Renren
Il liceo ‘Spano’ di Sassari vince la settima edizione de “ La tua impresa ”

Il provveditore promette organici completi entro una settimana, anche per il sostegno, nel frattempo si esce prima da scuola. #FacceCaso.

In quasi tutte le scuole della provincia di Grosseto risultano posti scoperti, orari incompleti e soprattutto docenti mancanti. Per ovviare al problema, la permanenza in classe è ridotta: i ragazzi vanno a scuola tre ore al giorno tra buchi, entrate posticipate e uscite anticipate.

Ci sono stati casi in cui i ragazzi sono dovuti addirittura rimanere a casa: sto parlando della scuola media Boccheggiano, venerdì e sabato scorso.

Il provveditorato di Grosseto ha autorizzato i dirigenti a chiamare i docenti precari fino agli eventi diritto ma risultano ancora vacanti varie cattedre di materie scientifiche, letterarie e di sostegno.

“Nel giro di una settimana – promette Giacomo D’Agostinoandremo a completare gli organici. Ci siamo con le nomine in ruolo del concorsone e le assegnazioni provvisorie, che però hanno a loro volta prodotto dei buchi, perchè cattedre apparenti a docenti di ruolo originari del sud Italia, sono tornate libere dopo che quest’ultimi hanno fatto domanda di avvicinamento a casa. Quindi vanno nominati altrettanti supplenti”.

Il provveditore ammette: “E’ vero, dovremmo prima di tutto evitare che a fare le spese di questa situazione siano i ragazzi più deboli. Ai dirigenti ho chiesto di valutare le urgenze, di tener conto delle disponibilità e dell’organico potenziato. Ci metteremo a posto prima possibile. Nei mesi scorsi abbiamo vissuto un cambiamento epocale della scuola, che ha comportato tanto lavoro per gli uffici e per i dirigenti. Nelle prime settimane c’è bisogno di assestarsi ma presto ci saranno i necessari insegnanti di sostegno”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 8