Tempo di lettura: 2 Minuti

Smartphone al volante pericolo costante!

L’anno scorso, dopo 15 anni in calo è di nuovo aumentato il numero di vittime della strada. A questo dato si aggiunge un aumento del 26% delle multe p

All’Università per imparare l’alta ingegneria automobilistica, dall’anno prossimo si può!
Chi trova una automobilista trova un tesoro: dedicato a chi viaggia in auto
Training Academy Mercedes: pronto a partire?

L’anno scorso, dopo 15 anni in calo è di nuovo aumentato il numero di vittime della strada. A questo dato si aggiunge un aumento del 26% delle multe per chi guida con cellulare. Ma il vizio che abbiamo è troppo rischioso…

Che sia parte integrante della nostra vita ce ne siamo accorti tutti da tempo, che il suo utilizzo comporti dei grossi rischi, questo ancora sfugge a molti.
Sto parlando del cellulare, il mezzo a cui abbiamo affidato, per un motivo o per un altro, parte della nostra vita, e che spesso utilizziamo nelle situazioni meno idonee, come alla guida.

E anche per colpa loro nel 2015 gli incidenti mortali, dopo 15 anni di diminuzione, erano aumentati del 2 per cento, con un calo del 3 %, fortunatamente, in questa parte del 2016.
Ma l’ultimo dato non tranquillizza la Polizia stradale: “Sono cifre ancora troppo alte e impongono una riflessione sulle cause che rendono le nostre strade così pericolose. È indubbio che condotte di guida rischiose o distratte, soprattutto per l’utilizzo di smartphone, sono tra le principali colpevoli degli incidenti”, ha riferito il dirigente della Polizia Salvo Puccia.

Da gennaio ad agosto 2016 sono state fatte 30.094 multe a chi guidava usando il cellulare, il 26,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2015, ma nonostante ciò 3 incidenti su 4 sono attualmente causati da distrazione con il cellulare, un pericolo ormai considerabile mortale.

In pratica tutte quelle attività che possiamo svolgere tramite smartphone, messaggi, mail, Facebook etc… presentano dei rischi enormi e una diminuzione di attenzione nei confronti della strada, inaccettabile nel momento in cui ci si rapporta con la propria vita e con chi sta intorno.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0