Tempo di lettura: 3 Minuti

UK: Scritte antisemite nell’Università

Gli studenti dell'Università di Exeter inneggiano alla Shoah e al razzismo. Duro colpo per l'Inghilterra quello inflittogli da alcuni studenti di uno

Fototrekking sulle Dolomiti
Attenzione al selfie!
Adesso su Instagram si salvano le bozze

Gli studenti dell’Università di Exeter inneggiano alla Shoah e al razzismo.

Duro colpo per l’Inghilterra quello inflittogli da alcuni studenti di uno dei più prestigiosi atenei inglesi, l’Università di Exeter.

Doveva essere una delle tante feste di inizio anno accademico tenute nel club sportivo contiguo all’università, una serata passata fra risate, cori e foto ricordo ma che proprio per particolarità di queste ultime si è trasformato in un eclatante scandalo.

Immortalate negli scatti, assieme agli studenti, i terribili slogan antisemiti e razzisti impressi sulle loro t-shirts: “L’Olocausto fu una buona epoca”, o ancora, “non parlare con me se non sei bianco”.

A renderle pubbliche, come sempre, ci hanno pensato i social network per metà inermi nella loro diffusione e per l’altra metà complici della loro denuncia.

A puntare il dito contro lo spiacevole avvenimento i commenti dei vari utenti che non hanno risparmiato gli autori di questa tetra farsa: “Il genocidio e i privilegi dei bianchi non sono temi su cui scherzare, imbecilli”.

Schermata in prima linea anche la stessa Università di Exeter, che ha tenuto a sottolineare quanto: “L’Università è un luogo inclusivo, amichevole è aperto a tutti e che non tollera nessun comportamento antisemita, fanatico e razzista”. Secondo le ultime notizie è già in corso un’indagine interna alla scuola per il riconoscimento dei colpevoli.

Di Laura Messedaglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0