Tempo di lettura: 3 Minuti

Niente più deroghe alla chiamata diretta: la decisione del MIUR

Quasi chiuse le trattative tra Ministero e sindacati per quanto riguarda la legge 107/15 La legge 107, ovvero #labuonascuola, ha ricevuto critiche su

Concorso insegnanti: la carica dei 50.000
Il futuro è legato allo sviluppo del turismo e si studia a Genova
Olbia: l’Università conquista l’ex Sep

Quasi chiuse le trattative tra Ministero e sindacati per quanto riguarda la legge 107/15

La legge 107, ovvero #labuonascuola, ha ricevuto critiche su critiche; soprattutto per quanto riguarda l’assegnazione dei docenti nelle scuole. Il risultato?
Questa famosa legge 107 è stata più volte prorogata, se non derogata per venire incontro alle esigenze degli insegnanti.

Dopo l’incontro tra MIUR e sindacati, però, il Ministero ha espresso il volere di rispettare la legge nella sua interezza, non ammettendo ulteriori deroghe.

Il metodo di assegnazione quando c’è il sovrannumero o per chi chiede il trasferimento sarà la chiamata diretta, che consiste nella convocazione da parte dei dirigenti di istituto degli insegnanti.

Gli unici a rimanere immuni dalla chiamata saranno quelli che sono già assegnatari di una scuola.

Giusto? Non lo sappiamo. Sappiamo però che essa deve per forza venire regolamentata per far sì che non avvengano inconvenienti come quello delle foto a figura intera per selezionare le, ehm, candidate.

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0