Tempo di lettura: 2 Minuti

L’Università di Bologna a favore della sostenibilità

L’Università di Bologna a favore della sostenibilità

Il ministero per l’Ambiente elargisce 1,5 milioni di euro: bici scontate alle matricole, riduzione per bus e treno. #FacceCaso. A Bologna il ministero

Intervista ad un militante di Senso Comune
Provano a copiare all’esame: sospese per 3 mesi
Le università italiane accrescono le proposte formative sui temi ambientali

Il ministero per l’Ambiente elargisce 1,5 milioni di euro: bici scontate alle matricole, riduzione per bus e treno. #FacceCaso.

A Bologna il ministero dell’Ambiente finanzia un progetto per 1,5 milioni di euro a favore della mobilità sostenibile. L’università darà agli studenti abbonamenti scontati dell’autobus e del treno, per non parlare delle 2000 biciclette che il rettore vorrebbe offrire alle matricole del prossimo anno a prezzi più che convenienti. Una due ruote progettata dai ragazzi per i ragazzi, finanziata da privati.

“È un progetto importante per la mobilità sostenibile – ha detto Gian Luca Galletti, ministro dell’ambiente – chi conosce Bologna sa che i progetti riescono se c’è anche un coinvolgimento dell’università che rappresenta una parte importante della città e anche della mobilità di questa città. L’idea è stata di un protocollo d’intesa con il Comune per potenziare la mobilità sostenibile incominciando proprio dall’università”.

Parte del finanziamento (ben 900mila euro) andrà anche al Comune per collegare i poli universitari con piste ciclabili. “Parliamo di sostenibilità come strategia di sviluppo” spiega Francesco Ubertini, Rettore dell’Università di Bologna che prosegue: “Penso a una bici connessa. Abbiamo dei partner che ci sopporteranno a cui abbiamo chiesto un accompagnamento. Non la immaginiamo come misura una tantum, ma che si ripeta tutti gli anni. Per ora stiamo ragionando sui cinque anni che di fatto è la durata del mio mandato. Quante? Dipende da alcuni fattori, dall’impatto economico. A me piacerebbe 2000 bici all’anno”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0