Tempo di lettura: 3 Minuti

Facebook rientra nel mercato cinese, con censura

Facebook rientra nel mercato cinese, con censura

Indiscrezione del NY Times, secondo cui Facebook sarebbe pronto a rientrare in Cina, in cambio di censure gradite al governo. La schiavitù dei soldi.

Il Natale si avvicina, sì ma non in Cina. Vi racconto il mese di dicembre quaggiù
Che cos’è la “Golden Week” cinese? Il mio viaggio nella provincia dell’Hebei
Tik Tok si ritira da Hong Kong. I pro e i contro di questa scelta

Indiscrezione del NY Times, secondo cui Facebook sarebbe pronto a rientrare in Cina, in cambio di censure gradite al governo.

La schiavitù dei soldi. Scrivendo penso subito a qualche libro che potrebbe sfondare come saggio d’attualità. E come potrebbe farlo? Basterebbe citare tutte le strategie di marketing di un colosso come Facebook.

Proprio l’ultimo caso, o meglio indiscrezione, che lo coinvolge sembra avere finalità di lucro: tornare nel mercato social cinese, riaprirsi agli iscritti locali e aumentare quindi notevolmente i propri numeri in tutti i sensi. Era stato vietato nel 2009, dopo le proteste di una minoranza della regione dello Xinjian, ma ora avrebbe cercato un “accordo” con il governo cinese per superare i blocchi e rimarcare il territorio.

L’idea è lasciare a un partner governativo la decisione su quali contenuti possano restare o essere rimossi nelle bacheche dei cinesi, un sistema quindi di censura autorizzato, che cozzerebbe decisamente con tutti i valori di libertà professati fino adesso.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0