Tempo di lettura: 3 Minuti

Liceo, l’Azzarita occupato viene sgomberato dai…genitori!

Liceo, l’Azzarita occupato viene sgomberato dai…genitori!

Dura poche ore la protesta nella scuola dei Parioli, i genitori si sono venuti a riprendere i figli a spintoni. Parto dal presupposto che non sono mai

Doppio lavoro nonostante il full time: 411 professori sotto inchiesta
Sciopero università di Milano: con 400 docenti rischio prossimi esami
Mense romane come Masterchef: nelle scuole arrivano menù vegano, vegetariano e a KM 0

Dura poche ore la protesta nella scuola dei Parioli, i genitori si sono venuti a riprendere i figli a spintoni.

Parto dal presupposto che non sono mai stato, neanche al liceo, un fanatico sostenitore delle occupazioni, sia perché non mi sono mai spinto a farle in prima persona, sia per le motivazioni, inesistenti, che muovono un’azione del genere.

Poi i tempi sono cambiati, le occupazioni politiche sono un ricordo di una scuola politicizzata che non c’è più e quindi farne al giorno d’oggi fa già ridere di suo, ma mai quanto accaduto al liceo Azzarita di Via Salvini, nel cuore del benestante quartiere Parioli.

Mercoledì pomeriggio, per la terza volta in 24 ore, i ragazzi hanno provato a prendere in mano l’istituto. Solite storie insomma, come hanno raccontato a vari reporter alcuni occupanti, un centinaio sui mille studenti dell’istituto. Poi sono arrivate le volanti, i professori e il preside, e mentre i figli occupavano il piano terra e gli ultimi piani, i genitori si sono riuniti coi docenti al primo, ecco l’inaspettato: alcuni padri e madri hanno forzato la porta barricata e sono entrati, cercando i figli e recuperandoli con la forza.
In mezzo sono volati alcuni schiaffi e spintoni, ma non certo di lotta dura, più da scena punizione del padre verso il figliolo disobbediente.

Alla fine gli ultimi rimasti, studenti più grandi, sono stati fatti uscire dalle forze dell’ordine, intervenute poi nel tardo pomeriggio. Fortunatamente non c’è stato nessun danno, come riportato anche dal preside, Roberto Gueli, ma certo questa occupazione verrà ricordata nel tempo… non proprio come avrebbero voluto i ragazzi!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0