Tempo di lettura: 1 Minuti

Sicilia: un universitario su tre sceglie di studiare fuori

Sicilia: un universitario su tre sceglie di studiare fuori

Se la situazione è questa, cosa fare per cambiare le cose? #FacceCaso. Ogni anno in Sicilia, sono circa 900 gli universitari che vanno a studiare fuor

Maturità: le gaffe degli studenti
Un’insegnante svedese ha salvato un suo dottorando dall’ISIS
App, qualche consiglio per l’ estate

Se la situazione è questa, cosa fare per cambiare le cose? #FacceCaso.

Ogni anno in Sicilia, sono circa 900 gli universitari che vanno a studiare fuori, contro i 250 che rimangono sull’Isola. I conti non tornano e sicuramente, c’è qualcosa che non va.

“Bisogna investire su crescita, sviluppo. Formazione e innovazione – ha sottolineato il rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari -. Ogni territorio ha delle sue specificità: occorre definire una volta per tutte una strategia regionale che coinvolga le istituzioni. L’Università intende essere partner di questo percorso per contribuire alla formazione di queste idee”.

A questo punto la domanda sorge spontanea, senza troppi giri di parole: se le cose stanno così, cosa fare? “Bisogna muoversi su un duplice binario: una sfida sul territorio ma anche una sfida per aumentare l’appeal dall’esterno, per avere la capacità di internazionalizzarsi. Ma come si può contribuire alla crescita? Attraverso i rapporti con le imprese, ad esempio, con attività di tirocinio. I nuovi paradigmi della crescita sono la sostenibilità, la digitalizzazione e un’economia di condivisione” ha spiegato Fabio Mazzola, pro rettore dell’Università degli Studi di Palermo.  Se la soluzione c’è, allora dateci dentro. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0