Tempo di lettura: 1 Minuti

I social media e i ricavi pubblicitari più alti dei giornali

I social media e i ricavi pubblicitari più alti dei giornali

Entro il 2020 si invertiranno i valori di profitto tra le due categorie di comunicazione. I social e internet corrono, mentre i giornali rallentano, e

Il Liceo Montessori, superstite del fascismo, spegne 90 candeline
Demo Day, la giornata dedicata alle startup che cercano finanziamenti!
Scopri in quale Università studiare scienze dell’ educazione in Italia!

Entro il 2020 si invertiranno i valori di profitto tra le due categorie di comunicazione. I social e internet corrono, mentre i giornali rallentano, e le radio presto superate dai video.

Entro il 2020 si invertiranno i valori di profitto tra le due categorie di comunicazione. I social e internet corrono, mentre i giornali rallentano, e le radio presto superate dai video.

Tra la stretta contro le notizie fake, le misure anti-odio di Twitter e le accuse di favoritismi elettorali negli Stati Uniti, i social network si scoprono sempre più forti economicamente, tanto da superare, entro la fine del decennio, i ricavi pubblicitari dei giornali.
Le stime, riportate dall’agenzia di advertising Zenith, prevedono crescite del 20% all’anno, così da raggiungere i 50,2 miliardi di dollari nel 2019, contro i 50,7 dei giornali, e il definitivo sorpasso l’anno successivo.

Il prossimo anno la pubblicità digitale sarà un terzo dell’intero fatturato di settore, mentre i video online (+18%) arriveranno a produrre crescita e introiti per 35,4 miliardi, contro i 25 attesi per le radio. Un doppio sorpasso del digitale quindi, che sembra pronto a fare il salto definitivo a scapito dei tradizionali mezzi di comunicazione.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0