Tempo di lettura: 2 Minuti

La Germania ha le rette universitarie più basse

La Germania ha le rette universitarie più basse

In Europa battute Olanda, Spagna e Belgio, il paese teutonico si conferma il più conveniente per chi vuole procedere con studi accademici. I dati Unip

I giovani cervelli in fuga che scappano costano allo stato circa 14 Miliardi, ma non è colpa loro
Nel nuovo bilancio UE 2021-2027 i giovani sono in prima linea
Giovani 2030: online in anteprima la piattaforma web dedicata ai giovany italiani

In Europa battute Olanda, Spagna e Belgio, il paese teutonico si conferma il più conveniente per chi vuole procedere con studi accademici.

I dati Uniplaces, piattaforma online per lo student housing internazionale, sono inequivocabili, e pongono la Germania ancora una volta prima in qualche classifica: si tratta di quella con i paesi europei che offrono un’istruzione universitaria di qualità, a fronte di rette basse o a volte addirittura gratuite.

La Germania si aggiudica quindi la medaglia d’oro, essendo le università pubbliche gratuite dal 2005, e calcolando che molti atenei offrono corsi in inglese e gli affitti di una camera in media stanno sui 400-500 euro. Nello specifico le migliori sono la Humboldt University Berlin, Free University Berlin, Berlin Technical University, Technical University of Munich, University of Hamburg.

Tra le altre nazioni l’Olanda, che non ha rette gratuite, ma costi decisamente bassi rispetto la media internazionale, oltre a tante borse di studio messe a disposizione; anche la Spagna ha tariffe d’iscrizione sotto i 50 euro e un costo medio tra i 200 e 400 euro al mese. Ultime per economicità in questa speciale classifica il Belgio, paese multiculturale e spesso scelto per un periodo di studi Erasmus, e la Polonia, con città moderne e vivaci, borse di studio per studenti internazionali e un costo della vita inferiore ai paesi UE.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0