Tempo di lettura: 3 Minuti

Veni, Vidi, Vicerunt: cronaca del match di sabato 17 Dicembre

Sabato alle 16:30 è andata in scena la partita della Serie D di Calcio a 5 tra Sant'Agnese (squadra di cui siamo sponsor!) e Collefiorito. Ecco il rep

A scuola con… Francesco Totti!
L’importanza del “calcio di provincia” per i giovani
Studio allo stadio grazie al Tottenham Football Club

Sabato alle 16:30 è andata in scena la partita della Serie D di Calcio a 5 tra Sant’Agnese (squadra di cui siamo sponsor!) e Collefiorito. Ecco il report.

Mi scuserà il buon Giulietto Cesare per questa appropriazione indebita di una frase tanto importante, ma descrive alla perfezione la giornata sportiva di ieri.
I ragazzi del Sant’Agnese, forti della loro 15esima posizione in classifica, nonostante il corposo bottino di 5 punti in 11 partite giocate, si sono dimostrati quanto mai battaglieri e affamati di vittoria. No, va bè ragazzi, scherzavo, non erano né soddisfatti della posizione da playout, né paghi di 5 punti in 11 partite sempre sudate e lottate. Sabato era il momento di sfatare il romanissimo mantra “Mai na Gioia”, di ottenere una bella vittoria che tenesse alto il morale, di vincere e convincere. Risultato finale? Sant’Agnese 7, Collefiorito 0. Direi che non è male.

Dopo i primi minuti la partita si incanala su binari già abbastanza definiti, con il goal immediato dopo 3 minuti di Zamboni G. che con un bel tiraccio sotto la traversa buca la porta del Collefiorito e inizia a far capire al portiere avversario chi comanda in campo. Gli attacchi dei “Saints” continuano martellanti e gli avversari si difendono come possono, ma la goleada è imminente: un palo di Albinati, sfortunato in attacco ma autore di una prestazione difensiva veramente ottima, è il preludio al dominio di Sant’Agnese: al 15esimo segna, neanche a farlo apposta, il numero 15 Zamboni in contropiede; lo stesso Zamboni offre l’assist a Sampalmieri due minuti dopo, che deve solo spingerla dentro, e fare tre a zero. Passa solo un minuto e segna ancora il Santa con Silvani, che la butta dentro dopo essersi driblato tutta la squadra avversaria, dal colosseo quadrato fino pure al laghetto: “dubbata” in faccia necessaria. Alla fine del primo tempo il Collefiorito è già negli spogliatoi da una decina di minuti, il dominio del Santa totale.

Il rientro degli ospiti per il secondo tempo è sicuramente più grintoso, ma sul campo sembra riuscire tutto bene alla squadra padrona di casa e del gioco. Una grinta che si rivela anzi controproducente, andando ad alimentare polemiche abbastanza inutili sull’operato dell’arbitro, e distogliendo la concentrazione dal campo che meriterebbe più attenzione, data anche la sfortuna degli ospiti, che colpiscono tre pali nel secondo tempo. Visto che però vince chi segna, il buon Zamboni pensa bene di ricordare agli avversari questa non trascurabile verità, e butta dentro il cinque a zero al quarto del secondo tempo. La grinta si trasforma in rabbia, e l’arbitro inizia ad assegnare rigori e tiri liberi. Dal dischetto Zamboni fa tripletta, sei a zero. A quel punto cala la pressione, esce fuori il Collefiorito ma entrambi i portieri del Sant’Agnese, Di Carlo e Moscato, avvicendandosi a metà secondo tempo, mantengono la porta inviolata con belle parate. Al ventesimo l’arbitro espelle il numero 8 del Collefiorito, troppo nervoso, e ancora Zamboni trasforma il tiro libero, fissando il punteggio sul sette a zero, risultato finale. Menzione inoltre per Oliva, che nel finale compie un numero bellissimo, driblando tre giocatori insieme con doppio passo finale, peccato che il tiro vada fuori. Da sottolineare anche la prestazione di Zamboni F., ottimo in regia, sfortunato sotto porta.

Quello che rimane è comunque una prestazione di squadra, da squadra, che ha permesso ai ragazzi del Sant’Agnese di vincere divertendosi. Esultanza finale sotto una curva gremita. Più o meno.

Di Giacomo Mannucci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0